Platea e vespaio areato

messaggio inserito giovedì 14 novembre 2019 da Gias

Gias : [post n° 426576]

Platea e vespaio areato

Salve a tutti, sto realizzando il progetto per una villetta e, date le caratteristiche del terreno, verrà realizzata una fondazione a platea nervata.
Mi sorgeva il dubbio se fosse opportuno innalzare le nervature della platea per creare un vespaio areato; lo ritenete un intervento utile oppure una precauzione superflua? Qualcuno che si sia trovato in una situazione simile può dirmi come ha agito?
Grazie in anticipo!
gioma :
La realizzazione di un vespaio areato è una soluzione sempre consigliabile per isolare l'immobile non solo dall'umidità ma anche da eventuale gas Radon presente nel terreno.
Ed è proprio per questo motivo che in molte Regioni è prevista l'obbligatorietà del vespaio areato nelle nuove costruzioni.
Campanellino :
ma infatti, il vespaio non dovrebbe essere obbligatorio per avere l'agibilità?
Gias :
Grazie gioma, quanto scrivi rispecchia un pò il mio pensiero, solo che, confrontandomi con più strutturisti, l'opinione prevalente è stata che non fosse necessario.
Tra l'altro, mentre viene naturale pensare ad un vespaio aerato in caso di fondazioni a travi rovesce, nel caso di platea si tratta di dover innalzare appositamente le nervature al di sopra del piano della platea per poterlo ottenere, con una lievitazione dei costi non indifferente, per cui volevo dei pareri per essere certo che fosse una soluzione generalmente adottata.
Gias :
Nel regolamento edilizio non mi sembra di aver riscontrato diciture in merito, comunque inizio settimana prossima sarò in Comune e chiederò in proposito.
arch_mb :
Il rischio di esposizione al radon non è uniforme su tutto il territorio; dipende principalmente dalle quantità di uranio presenti nel sottosuolo e dalle caratteristiche dei terreni. Ci sono aree più vulnerabili e altre meno. Generalmente è l'agenzia regionale per la protezione dell'ambiente che detiene dati consultabili e pubblica l'elenco dei comuni a rischio radon. E' possibile che nei comuni a rischio i regolamenti prescrivano che l'agibilità sia ottenibile solo con l'interposizione di uno strato aerato tra terreno e pavimento per favorire la dispersione del gas.
Gias :
Grazie arch_mb. Il progetto da realizzare è in Sicilia, dove, da una ricerca molto rapida, sembra ci siano meno concentrazioni di gas radon. Ma quindi il vespaio aerato è indispensabile solo come prevenzione per questo rischio o, considerati costi e benefici, reca degli indubbi vantaggi per umidità, isolamento etc, tale da essere comunque opportuna la sua realizzazione?
arch_mb :
No ovvio, anche la seconda che hai detto. Sulla valutazione costi-benefici lascerei però il campo a chi ne sa più di me
paoletta :
un vespaio opportunamente realizzato e dimensionato puo' essere utilizzato come serbatoio di aria a deltaT positivo rispetto a quella esterna e utilizzata come preriscaldo di una pdc.
Liuc :
Da esperienze e da realizzazioni che proprio ora sto facendo una fondazione a platea nervata, se vuoi realizzare un vespaio con elementi plastici i costi non sono esagerati e comunque i benefici ne valgono la pena, anche solo h20 più 5 cost armato con rete. Da noi è obbligo realizzare un intercapedine ma penso sia nazionale. Ovviamente devi creare dei punti di presa D'aria contrapposti e con altezze diverse così da renderlo efficace e non inutile
Gias :
@Paoletta. Grazie, mi informerò meglio in merito.
Gias :
@Liuc. Grazie anche a te per il tuo contributo. Nel mio caso i costi lievitano non tanto per i posizionamento degli Igloo (o simili), quanto per l'innalzamento delle travi al di sopra della platea per creare l'intercapedine necessaria ad installarli.
Liuc :
Devi per forza fare queste nervature? Non puoi irrigidire o creare le travi nella platea stessa magari aumentando di qualcosa lo spessore totale?
Scritto così sembra che devi creare queste intecapedine/vasche apposta per realizzare il vespaio
Gias :
L'unica cosa certa è che non posso realizzare fondazioni a travi rovesce e poi riempire i campi fra le travi con Igloo; viste le caratteristiche del terreno sono costretto a realizzare una platea.
A questo punto, nel caso volessi realizzare un vespaio areato, pensavo fossi costretto a realizzarlo al di sopra della platea (innalzando le nervature).
C'è qualche altra possibilità? Posso realizzare il vespaio anche all'interno della platea (senza che questa perda di efficacia)?
Liuc :
Non capisco dove sia il problema, realizzi le travi rovesce, fai la platea tenendo il filo superiore e così ti resta una piastra unica come se avessi realizzato la platea.
Esempio travi 100xh60 a -60 dallo 000 e la platea esempio h30 a -30, scaverai il "canale" delle travi
Gias :
Scusami, non mi è chiaro se nell'intervento che hai descritto intendi il vespaio realizzato al di sopra o al di sotto dei 30 cm di platea.
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.