fine lavori per CILA

messaggio inserito lunedì 6 luglio 2020 da elli

[post n° 434112]

fine lavori per CILA

Buongiorno a tutti. Devo presentare la fine lavori per una CILA. Oltre al modulo del comune di fine lavori compilato e firmato, bisogna allegare qualche altra dichiarazione del professionista (i lavori non comportano variazione catastale e questo è già inserito nel modulo comune)? Grazie a tutti
:
Direi in generale (*=laddove pertinente):
- collaudo tecnico-amministrativo;
- dichiarazioni conformità impianti*;
- dichiarazione smaltimento/conferimento rifiuti edili e relativi formulari, ovvero dichiarazione di assenza di produzione (D.Lgs 152/06 s.m.i.);
- attestato di qualificazione energetica, ovvero dichiarazione di esclusione (D.Lgs 192/05 s.m.i);
:
grazie mille archspf. Mi sono scordata di scrivere che la fine lavori è per una CILA cambio serramenti. :-)
:
Beh... è già strano che per un cambio di serramenti sia stata presentata la Cila.
E non mi dire che è per le detrazioni, ti supplico!
:
...è si desnip, è per le detrazioni. Comunque, il cambio fatto rientra in una manutenzione straordinaria in quanto il cambio di serramenti ha comportato per quelli nuovi caratteristiche differenti da quelle esistenti. Quindi, confrontandomi anche con il tecnico comunale, anche per questo, è stata necessaria una CILA. Più il dire che il fare praticamente! :-)
:
Potrebbe essere tutto sommato una buona notizia se confermata in altre zone del paese, poichè di fatto c'è un vuoto normativo sulla residualità di un intervento di sostituzione che prevede però innovazione: per farla breve fino "all'altro ieri" si andava in SCIA ;-)
Ma d'altronde in Italia lo sappiamo: "paese che vai, tecnico comunale che trovi"
:
Ma infatti... in molti comuni, anche se c'è cambio di materiali, lo fanno rientrare in edilizia libera.
:
Prima di procedere con la cila, anche a me era venuto il dubbio che non dovessi farla in quanto, per me, la sostituzione serramenti rientra in manutenzione ordinaria.
Mi sono fatta un sacco di paturnie mentali e diverse ricerche perché, un confronto con il commercialista, mi aveva fatto scoprire che rientravano nella manutenzione straordinaria. Ricerca di qui e ricerca di là, sono incappata nell'articolo di cui vi metto il link e che mi ha chiarito le idee.
E' la normativa fiscale che ha "cambiato" le carte in tavola: per la detrazione fiscale, se si cambiano i serramenti e si mantengono le stesse caratteristiche dei precedenti senza innovazioni (...e io dico: ma chi è quel pazzo che li cambia senza innovazioni al giorno d'oggi?), l'intervento rientra in manutenzione ordinaria. Se invece si cambiano caratteristiche introducendo migliorie, si rientra in manutenzione straordinaria e quindi soggetti a pratica edilizia (vedi CILA). Questo, secondo me, ha generato un po' di casino! Nel link c'è una tabella riassuntiva che chiarisce bene. Ciao a tutti e grazie!
https://www.saperecasa.it/2018/11/30/sostituzione-infissi-pratiche-e…
:
Elli, con tutto il rispetto, ma non è che hai citato una fonte particolarmente "autorevole"...
In effetti non è l'AdE che decide cosa è m.o. e cosa è m.s.... Semplicemente l'AdE ci dice cosa è detraibile e cosa no. E anche se il principio generale è che sono detraibili le opere di m.s., la guida è piena di eccezioni.
Quindi, siamo noi come tecnici che dobbiamo capire in quale categoria rientra l'intervento (e non è semplice perchè ogni comune ha la sua interpretazione) e di conseguenza il titolo abilitativo necessario o la realizzaizone in e.l..
Poi, la detraibilità prescinderà dal titolo e dipenderà unicamente dalle precise indicazioni date dall'AdE.
:
...desnip...proprio perchè c'è enorme confusione in tutto, alla fine ho sentito il Comune (che sento sempre, a prescindere!).
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.