sottotetto abusivo

messaggio inserito mercoledì 23 settembre 2020 da sara

[post n° 437222]

sottotetto abusivo

Salve a tutti, avrei bisogno di un aiuto. Per un cliente dovrei sanare un sottotetto reso abitabile abusivamente. All'epoca in cui è stato commesso l'abuso, nel 2006, non era ancora possibile rendere i sottotetti abitabili cosa che invece è stata resa possibile dalla Legge Regionale Toscana 5/2010. Premetto che le tramezzature sono conformi al progetto presentato all'epoca mentre lo stesso ovviamente non può dirsi per la destinazione d'uso. Trovandomi oggi alle prese con il problema come posso sistemare la cosa visto che non ho la doppia conformità? Come altezze e rapporti aeroilluminanti non ho problemi solo che non so come uscirne visto che all'epoca del "misfatto" non era possibile abitare i sottotetti e quindi per sua stessa definizione non posso procedere con la sanatoria. Qualcuno più esperto di me sa cosa consigliarmi? Ovviamente ho scoperto tutto perchè i proprietari si sono resi conti di non avere l'agibilità e cioè all'epoca era stato consegnato il tagliando di fine lavori ma non si era proceduto con la conformità. HELP ME!!
:
Fermo restando che è principio pacifico il fatto che l'abitabilità è resa dalla destinazione d'uso giuridicamente rilevante e non dall'uso strumentale (a meno di trasformazioni permanenti e incidenti dal punto di vista urbanistico: es. altezze oltre quelle consentite, che configurerebbero lo spazio anche solo potenzialmente abitabile), la legge Regionale richiamata (che non conosco) richiede la doppia conformità?
Diversamente non sarebbe possibile richiamare tale norma (generalmente derogatoria) che molto probabilmente ammette al recupero sottotetti esistenti prima della sua entrata in vigore?
:
E' il proprietario che dichiara l'epoca dell'abuso con atto notorio. In quale anno dichiara il proprietario di aver eseguito l'abuso?
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.