Scia in variante

messaggio inserito venerdì 6 novembre 2020 da Archi85

[post n° 439170]

Scia in variante

Causa tempistiche bibliche per ottenimento PDC, i clienti richiedono la possibilità di iniziare il cantiere con titolo di SCIA in variante. Quali sono i rischi reali a cui incorro come architetto progettista dovendo asseverare tutto ?
Trattasi di demolizione fabbricato esistente e ricostruzione fuori sagoma con cambio parziale di destinazione d'uso (da C2 e A3 dovrà diventare tutto A3) - inoltre ruotando tutto l'edificio, ci sarà un pre-progetto valutato dalla commissione del paesaggio per approvazione (puramente estetica e di inserimento).
:
SCIA in variante??? Forse intendevi alternativa! L’intervento di demolizione e ricostruzione è soggetto alla presentazione di SCIA con alcune eccezioni fra cui essere sottoposto a vincoli ex L 42/04 e ricostruzione entro sagoma, ecc ecc, e mi sembra che tu rientri nelle eccezioni. Cosa rischi? Che hai asseverato il falso! E tanto basta. Ma poi a chi giova? Una volta presentata una SCIA con i lavori realmente assentibili, come proseguire per realizzare per intero il progetto? Sempre un PdC si dovrà presentare. Che i committenti aspettino!
:
Al massimo, come già indicato dalla collega @ivana, si tratterebbe di Scia Alternativa all'autorizzazione, se si avessero i requisiti.
Diversamente si incorre in:
- Falso ideologico in atto
- Dichiarazione mendace/Falsa attestazione in certificati
- Errata individuazione del titolo abilitativo

E come già detto, basterebbe fermarsi al primo...
:
Scusate, dunque per capire meglio la Scia in Alternativa è possibile solo costruendo in sagoma?
:
Nel nostro lavoro dobbiamo verificare tante e troppe normative. Però se sei tu il tecnico di questo intervento ti consiglio di leggere e verificare questa normativa. Se sei il committente affidati ad un tecnico e non ad un blog.
:
Indubbiamente sono d'accordo. Semplicemente a volte si può cercare un supporto sulle normative da verificare, proprio per la loro complessità. In generale nel TUE Art. 23 che riporta all'art. 10 comma C mi pare indichi la possibilità di presentare in SCIA alternativa 'interventi di ristrutturazione edilizia che portino ad un organismo edilizio del tutto o in parte diverso al precedente ... '. Chiaramente senza che vi siano vincoli specifici di zona o altro. comunque grazie
:
l'intervento però non è di semplice ristrutturazione, ma di demolizione e ricostruzione che può essere attuato o con scia alternativa o pdc. Quindi io verificherei tutta la normativa afferente alla demolizione e ricostruzione e le ultime norme del decreto semplificazioni.
:
Si di fatto con la recente revisione e modifica dell'art.10 sono compresi nella ristr. interventi di demolizione e ricostruzione anche con modifiche planivolumetriche, opere dunque realizzabili con scia alternativa
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.