un aiuto per sintetizzare

messaggio inserito mercoledì 2 marzo 2005 da mirtillo

mirtillo : [post n° 44150]

un aiuto per sintetizzare

partendo da un lordo di x (o di 10000€ per esempio) quanto rimane effettivamente in tasca con un regime agevolato? e col normale? lo so che in parte dipende da quante spese riesci a portare in detrazione ma proviamo ammettendo di non avere nulla da scaricare (poi se qualcosa lo si trova meglio!!!)
mi piacerebbe tanto avere un elenco di quali sono i passaggi che ti portano dal lordo al netto...
grata a tutti sempre e comunque!!!
alinger :
...da tanti fattori, tanto per dirne uno in che scaglione irpef ricadi (i 10.000 € potrebbero essere solo un esempio) e quanto è bravo (ed esoso) il tuo commercialista.
Cmq, occhio e croce, ti metti in tasca intorno ai 6000 €.

Saluti
mirtillo :
anche tu on line fino a sera!!!
intendevo annui i 10000, ben intesi! Che soglie ci sono per l'IRPEF? con l'agevolato paghi il 10% sull'imponibile (cioè lordo meno IVA meno eventuali spese) mentre con normale il 23% giusto? quali altri ammenicoli si intromettono oltre alla parcella del commercilista (50 euro al mese minimo!!) tu ti fideresti del tutoraggio on line e presso l'ag delle entrate?
grazie e ciao
Andrea :
con le agevolazioni fiscali paghi il 10% fisso di irpef, senza agevolazioni vai ad alliquota (primo scaglione 23%) ...
oltre a questo devi togliere 18% se iscritto a gestione separata INPS o circa 5% se iscritto a InarCassa ...poi c'è l'irap 5% ... l'alliquota regionale 2% ... e poi c'è sicuramente altro che al momento non mi viene in mente!!!
...
mirtillo :
sul 10% o sul 23% ormai non ho dubbi, ciò che è quasi incontrollabile è la somma di tutti gli ammenicoli...
Angy :
Un momento, Andrea. I piccoli studi non pagano l'IRAP, lo ha stabilito una recente sentenza della Corte di Cassazione:

www.edilportale.com/edilnews/NpopUp.asp?idcat=17&idDoc=5824

Angy
alinger :
Angy, anche se una recente sentenza della cassazione ci "autorizza" a non versare l'irap nella realtà è meglio pagarla perchè:
1) Perchè le Regioni "ignorano" tale orientamento giurisprudenziale e ti ingiungerebbero di pagarlo (si, certo poi fai causa e magari tra 10 anni la vinci)
2) Per l'esempio di fatturato di mirtillo sarebbe veramente un'inezia (fino ad un certo tot di fatturato c'è franchigia e paghi solo per la differenza)
3) Pagare e poi fare ricorso sembrerebbe la strada più logica, ma da una rapida analisi costi-benefici io ho rinunciato pure al ricorso!!!

saluti
mirtillo :
nel mio esempio cosa sarebbe un'inezia? l'IRAP o l'ammontare di soldi che dovrei lasciare allo stato o l'ammonare di quel che mi rimane in tasca?!
Angy :
Sarà, ma qui da noi i piccoli studi non la pagano...probabilmente varia da regione a regione, essendo una tassa regionale...quindi bisognerebbe vedere dove lavora mirtillo.

mirtillo :
purtoppo o per fortuna
alinger :
In Campania l'Irap è pari al 4,75% (decimale in più o meno) e fino a 7500€/anno non la paghi.
Significa che pagheresti l'irap su 2500€ (nel tuo esempio), quindi abbastanza poco (rispetto al fastidio di fare ricorso, causa o andarsi a chiarire presso gli uffici competenti).
PS
Quello che ho scritto andrebbe verificato, ti riporto ciò che mi dice il mio fiscalista che, detto tra noi, ha un'attendibilità pari allo 0. ;-))
saluti
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.