sanatoria e bonus 65%

messaggio inserito lunedì 17 maggio 2021 da fedora

fedora : [post n° 447100]

sanatoria e bonus 65%

buonasera, sto esaminando il caso di un cliente che possiede una casa che necessita di sanatoria per la presenza di diverse difformità. Vorrebbe inoltre effettuare lavori di ristrutturazione per suddividere la casa in due abitazioni, cambiare l'impianto di riscaldamento e possibilmente usufruire del bonus 65%. La mia domanda è: prima di procedere con i lavori di ristrutturazione legati all'ecobonus 65%, occorre avere concluso e perfezionato la sanatoria ? O si può usufruire del bonus anche facendo una sanatoria con opere + ristrutturazione nella stessa pratica edilizia? grazie in anticipo
archspf :
Non vedo come si possa avere il dubbio del contrario: lo stato legittimo si acquisisce, in questo caso, con la sanatoria, pertanto trascorso il congruo termine per l'efficacia (art 37; silenzio-assenso) o dopo aver ricevuto assenso dall'amministrazione (art. 36; silenzio-diniego).
oikos :
Non mi risulta sia vietato procedere con una sanatoria con opere e contemporaneamente fruire dei bonus ristrutturazioni/energetici, fermo restando la piena legittimità dell'immobile a fine lavori.
archspf :
La legittimità dell'immobile deve essere presente o acquisita prima dell'inizio degli interventi.
oikos :
Dove è specificato tale principio? A me risulta tutt'altro

https://www.ecnews.it/la-sanatoria-edilizia-salva-bonus-ristrutturaz…
desnip :
Peccato che il link non sia apribile, perchè sarei curiosa proprio di leggere le motivazioni secondo cui ciò sarebbe possibile.
fedora :
grazie a tutti, il link si apre, basta cliccare col tasto destro e aprirlo in un'altra finestra
desnip :
Ora per la verità il link funziona.
Cmq l'articolo fa riferimento a un'altra fattispecie: metti che tu chiedi le detrazioni per interventi per i quali necessitava una Scia presentando invece una Cila. Puoi regolarizzare ex post senza perderle.
Il caso qui presentato invece è un altro: possibilità di sanare pregresse irregolarità e contestualmente richiedere un titolo per nuovi lavori.
Di questo non mi pare si parli nell'articolo.
fedora :
io credo che una pratica unica di sanatoria con opere si possa fare dal punto di vista urbanistico (senza poter iniziare i lavori prima che la sanatoria sia efficace); il mio dubbio è se così facendo dal punto di vista delle detrazioni ci possa essere qualche problema
archspf :
La cosa migliore per prassi è invece proprio quella di distinguere la sanatoria dai nuovi interventi. Anche perchè ho già ricordato il modo in cui si perfeziona/consolida l'istanza e per giunta non oso immaginare cosa possa succedere in caso questa venga rigettata.
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.