Progetto e realizzazione in due fasi

messaggio inserito venerdì 6 maggio 2022 da nik

nik : [post n° 460743]

Progetto e realizzazione in due fasi

Buongiorno,
secondo voi nella costruzione di un edificio trifamiliare è possibile presentare un progetto che prevede alcune opere interrate (paratia di pali e realizzazione di un vano provvisoriamente chiuso/tombato all'esterno dell'impronta del fabbricato), quale predisposizione per una successiva fase di progetto e lavori, per realizzare un piano interrato da destinare ad autorimessa?
Ciò per limiti di budget del committente e la necessità di antipare quelle opere (strutturali e al rustico) difficilmente eseguibili (o comunque più onerose) una volta realizzato il fabbricato.
nikosky :
Il progetto da presentare e approvare sarà unico. Ottenuto il permesso inizierai i lavori e li concluderà per quello che potete fare. lascerai le opere al grezzo che potrai completare successivamente con una SCIA/CILA dipende cosa farai dopo.
l'approvazione del progetto deve essere unitario
Adam Richman :
Ho visto fare pratiche separate ma per interventi molto grandi al fine di avviare le opere propedeutiche (berlinesi, diaframmi, scavi, ecc) in attesa di completare iter autorizzativi lunghi e complessi per i fabbricati fuori terra. Francamente però non ho riferimenti normativi al riguardo, sono passati anni e non avevo seguito quegli interventi in prima persona.
@ ninoski: concordo sull'iter che suggerisci (ignoro però se sia effettivamente l'unico modo), però in quel caso nella pratica di completamento si ripaga il costo di costruzione sulle opere mancanti, giusto?
nikosky :
bhe diciamo che non è l'unico modo. io procederei comunque con un progetto unitario e si potrebbe pensare anche di chiedere il permesso solo di una porzione delle abitazioni e delle parti comuni. resta poi inteso che gli oneri saranno solo della parte concessionata e per le successive porzioni si dovrà procedere a una nuova richiesta di permesso cosi da versare poi gli altri oneri a parte.
solo che con questa alta variabilità dei costi e delle normative si potrebbe rischiare di realizzare delle opere in c.a. che con il cambio di normativa potrebbero risultare poi sotto dimensionate. sarebbe da capire bene anche i tempi in cui procederebbero alle fasi successive onde evitare spese inutili.
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.