How I did it - PC

messaggio inserito lunedì 23 febbraio 2004 da Simone

Simone : [post n° 16347]

How I did it - PC

Posterò ora una serie di operazioni di ottimizzazione facilmente realizzabili per mantenere il pc funzionante e diminuire i disservizi. Spero vi possa essere d'aiuto! :)
Simone :
Non sarò breve... Cominciamo col conoscere il nostro unico e vero nemico: Windows. Ho letto da qualche parte una frase che meriterebbe di essere scolpita per le generazioni future: "negli anni 60, con un pc che il commodore 64 se lo sognavano, abbiamo mandato l'uomo sulla luna. Oggi con le macchine che abbiamo, facciamo girare a stento Windows XP. Ci deve essere stato un errore...".
L'OS è un collo di bottiglia superabile solo con determinati accorgimenti e comunque mai completamente. Questo comporta rallentamenti durante la creazione dei nostri modelli solidi, inaspettati crash di sistema durante gli ultimi 3 secondi delle appena trascorse 72 ore di rendering la mattina della consegna, menu a scomparsa che dopo 2 mesi non scompaiono più, finestre che neanche un falegname riuscirebbe più ad aprire e via dicendo. Possiamo avere un pc funzionante come un orologio? La risposta è NO. Ma possiamo ridurre i rallentamenti e semplificare la manutenzione. Dividerò gli interventi in sezioni, in modo da essere applicati non solo sequenzialmente ma anche separatamente.

-LA SCELTA DELL'OS-
Se deve essere Windows, che Windows sia! Vediamo cosa ci offre mamma Microsoft: la versione 98 (che sia SE conta poco... SE sta per Seconda Edizione) è pietosa. Un tempo amata dai videogiocatori per la sua leggerezza, è stata soppiantata massicciamente in favore di OS più stabili, nel momento in cui i processori di clockaggio 2000 venivano tirati ai passanti in strada. ME (millenium edition) lasciamolo perdere. Il mercato parla chiaro: il successo di un prodotto è misurato dai suoi "seguiti". Lui non ne ha avuti. Il 2000 è un'ottima versione se affiancata al dovuto service pack (il 4). Ideale per macchine meno "giovani", ha la necessità di diversi aggiornamenti (soprattutto il gigante dai piedi di argilla: explorer), ma può divenire un buon amico. XP è quello (con service pack 1) che consiglio, ma solo in presenza di Ram, tanta Ram! Non installate MAI un OS solo perchè è "fico" o ha un'"accattivante" veste grafica. I fronzoli grafici, per avere una postazione efficiente, ce li dobbiamo scordare, anche e soprattutto le barre blu e "cicciotte" di XP.
Non installate MAI un service pack in una lingua su un OS in un’altra lingua. MAI!

-PARTIZIONI-
Sia il 2000 che XP sono autoinstallanti e dotati di un sistema di partizionamento iniziale. Cosa è una partizione? Detto in termini semplici è una “divisione” dell’Hard Disk. In sostanza noi dividiamo il nostro HD da 120 Gb in piccoli hd. E perché mai dovremmo fare una cosa del genere? Per almeno due motivi: 1) Perché un OS che si trovi in un HD altamente frammentato, perderà di funzionalità, stabilità ed affidabilità in men che non si dica. 2) Perché vi voglio vedere a fare il defrag di 120 Gb pieni come un uovo… e magari avete anche fretta…
Siamo seri: non possiamo avere TUTTO quello spazio libero, perché sarebbe inutile e difficilmente gestibile. E’ come avere un unico soggiorno di 700 mq senza un tramezzo: poco pratico no? Allora si partiziona. Ma come? Con che criterio? Cominciamo a chiarire che è meglio formattare in NTFS, poiché ha maggiori possibilità di manutenzione preventiva e recupero da danni. Quindi spiegherò la filosofia della partizione, non come si attua fisicamente (cosa facilissima del resto, basta seguire le indicazioni), ci serviranno: una partizione di Sistema (per OS e programmi), una partizione di Documenti (per docs, rendering, mp3, un archivio di ciò che ci appartiene, insomma), magari una di Installers (perché tra drivers, installazioni e via dicendo, i CD non bastano MAI), una di Swap (che ora spiegheremo), ed una di Giochi o di “Lab” come la chiamo io, dove condurre esperimenti di varia natura e con vari software (prove, supporti, crash test, grossi rendering, base di appoggio per masterizzare quantità ingenti di files). Quelle più importanti saranno Sistema e Swap. La prima perché custode del nostro OS (che lavorando solo con lo stretto indispensabile, frammenterà il meno possibile, mantenendosi “asciutto e pulito” come diceva un spot di qualche tempo fa) e la seconda perché conterrà solo ed esclusivamente quei files noti come temporanei e che hanno un altissimo potere frammentante. Alla partizione di Sistema, non devono essere assegnati i Gb giusti. Teniamoci sempre altri (io sono arrivato a 15 Giga), per permettere a Windows di lavorare più pulito e con i “gomiti larghi”. Alla partizione di Swap diamo il “giusto” (anche perché quello spazio è regalato alla sporcizia), quindi non meno di 5 Giga, non più di 10 (se poi avete esperienza e sapete che vi serve di meno o di più, andate tranquillamente). Quindi, in diciamo 40 giga, potremmo avere:
Sistema: 10 gb
Documenti: 7 gb
Installers: 1 gb
Swap: 7 gb
Giochi/Lab: 15 gb
Che vantaggio ci porterà? Tanto per dirne una, al momento del formattone, tra diciamo circa 5 mesi, basterà formattare la partizione di Sistema e quella di Swap lasciando le altre inalterate. Questo vuol dire, che dopo aver reinstallato windows, i nostri dati saranno tutti lì, esattamente dove li avevamo lasciati (ma un backuppino ogni tanto facciamolo neh!). ATTENZIONE: ho parlato di formattazione di Sistema, non di eliminare le partizioni, formattare e ricominciare allocando gli stessi spazi: lo capirebbe anche un tordo che così facendo perdete tutto!

-ACCORGIMENTI-
Non dimentichiamo l’esatto ordine per le installazioni:
Windows, Service Pack, Aggiornamento Explorer, Drivers mancanti. Questo è quello consigliato, ma può variare in base ai casi (per esempio il pc non riconosce il modem e per scaricare l’aggiornamento di explorer abbiamo bisogno di internet, potete procedere con l’inversione della tabella di marcia)

-OTTIMIZZAZIONE DI WINDOWS-
Sono molte (avendo molti problemi l’OS). Come prima cosa, non appena entrati nel nuovo sistema, fresco fresco di installazione, cominciamo con l’usare la partizione di Swap. Ricordiamo quanta ram ci hanno venduto. Diciamo 512 mega. Benissimo, facciamo così:
Start, Impostazioni, Pannello di controllo, Sistema
La prima finestra su cui agire è “Aggiornamenti automatici”. Scomoda, stupida, lenta e spesso fa più danni che altro (vedi quell’upgrade di Windows che rovinava i 3DS quando salvavi. Sì, poi è uscita la patch, ma intanto mi sono massacrato l’archivio di 3d studio!). Gli aggiornamenti al sistema facciamoli a mano e dopo che tutto il resto del mondo ci ha confermato l’affidabilità.
Quindi passiamo a “Avanzate”, “Prestazioni”. Inutile dirvi che nella finestra “effetti visivi” cliccheremo su “Regola in modo da ottenere le prestazioni migliori” (e questo ci disattiva ogni carineria grafica, tutte rigorosamente pesantissime in termini di risorse). Sempre da questa finestra, clicchiamo su “Avanzate” e clicchiamo su “Cambia” in basso, alla voce “Memoria Virtuale”.
La Memoria Virtuale è croce e delizia di noi poveri utenti di PC. Non vi starò a spiegare troppo cosa accade qui dentro, limitiamoci a dire che dovrete imporre delle dimensioni personalizzare (dopo aver azzerato quelle presenti) nella partizione di Swap pari al doppio del vostro quantitativo di ram. Avete 512 mega? Benissimo, le dimensioni iniziali e quelle massime saranno identiche: 1024 (512x2). Per azzerare il quantitativo impostato in C [sistema], basterà imporre zero alle dimensioni iniziali ed alle dimensioni massime. Vi verrà richiesto di riavviare.
A questo punto tocca lavorare sui Temp. Aprite le vostre “Risorse del computer”, la partizione Swap e createvi all’interno una cartella “Temp” (vi ricordo che dalle impostazioni di cartella dovrete “donarvi” libero accesso ad ogni cartella di sistema, nonché renderle visibili!). Diciamo che la nostra partizione di Swap è E:. Quindi avremo “E:\Temp”.
Sempre Start, Impostazioni, Pannello di controllo, Sistema, Avanzate, clicchiamo su “Variabili d’Ambiente”. Abbiamo da fare poche modifiche ma fondamentali: nella prima finestra cambiamo i valori di TEMP e TMP assegnando ad entrambi lo stesso valore “E:\Temp”. Nella finestra di sotto, scorreremo sino in fondo, dove troveremo altre due voci TEMP e TMP. Anche qui imposteremo “E:\Temp”. Non toccate null’altro e riavviate.
Ora apriamo Explorer, Strumenti, Opzioni Internet. A questo punto clicchiamo su Impostazioni alla voce “Files temporanei Internet” e quando si apre la nuova finestra, andiamo a colpo sicuro su “Sposta cartella”. Inutile dire che la cartella va spostata in Swap. Ognuna di queste operazioni ha come fine quello di “ghettizzare” i files temporanei in una partizione circoscritta. In questo modo l’OS lavorerà in condizioni di frammentazione minima, mantenendosi efficiente e pulito. L’operazione di spostare i temporanei fa fatta per OGNI programma. Utilizziamo Winrar? Dovremo spiegargli che i suoi temporanei potrà farli girare solo in Swap. Download Accelerator? Idem.
A questo punto passiamo all’installazione dei programmi, allo spostamento della Directory dei Documenti (Clik destro del mouse sulla cartella Documenti presente sul Desktop, Proprietà, e alla voce “Destinazione”, mettete quella della partizione che avete destinato ai documenti. In genere D: ). Terminate le operazioni di installazione, passeremo ad un defrag partizione per partizione (meno quella di Swap. Lì non è necessario).
Piccole annotazioni: non dobbiamo MAI e per NESSUN MOTIVO lasciate molte icone sul desktop: Windows ha di meglio da fare che gestire tonnellate di icone. Moltissimi rallentamenti dipendono da affollamento di files sul desktop, non dimenticatelo mai. Ovviamente avere solo Risorse del Computer, Documenti, Cestino e Risorse di Rete non vi autorizza a mettere come sfondo un’immagine da 4 mega! Se volete un pc veloce, immagini leggere, se volete gli scatti, potete mettere quello che vi pare, ma poi non lamentatevi!
Per i più viziosi, quelli cui piace un sistema snello, allego un link molto utile, dove sono descritti al dettaglio i “servizi” che si attivano con Windows XP, e che possiamo “spegnere” per risparmiare RAM.
www.harrrdito.it/faq/search.asp?id=552
State attenti: potete risparmiare molte risorse, ma a vostro rischio e pericolo. I servizi sono una cosa con cui non si scherza! Fatelo solo se avete poca ram a disposizione (128 mb, ad esempio)!
Se dovessero servire altri aiuti, se dovessero esservi domande ricorrenti, mi impegno ad aggiornare questo thread :)
Emanuele :
OK, prendo alla lettera il tuo post. Appena mi arriva il PC con XP (120 Gb di HD e 512 Mb di Ram) procedo con i tuoi consigli.
Ovviamente ti tempesterò di domande!!!!
Per ora ciao
Salvatore :
pourtropo, non so si ho capito tutto !! =P
domanda: cosa pensi della installazione di software che diconno megliorare la performance del computer ?
anche mi piacerebe conoscere cosa pensi del Kazaa per scaricare le robe (mp3, giochi, imagine, etc), l'ultima versione a (quasi) uciso il computer, lo ha ralentato un po', e sempre se apreno finestre del explorer con publicità!
gracias por todo !!
Emanuele :
kazaa mi ha dato gli stessi problemi ed èstato eliminato definitivamente!!
Simone :
Io uso jv16 PowerTools. Decisamente buono, disponibile anche in italiano. Ottimizza il registro di sistema (che si sporca nemmeno come un pavimento di parquet in una risaia), permette una pulizia efficace del menu di avvio e tante altre piccole cosette. Per le ottimizzazioni della RAM, vi rispondo come hanno risposto a me: l'unico metodo per far funzionare bene la RAM è uscire a comprarne altra!
Kazaa è meglio nella versione Light, poichè priva degli odiatissimi spyware (programmini che sparano pubblicità random). Anche qui: per chi possiede connessioni FLAT (paga un forfait mensile) e non ha fretta, suggerisco eMule. Moltissime fonti, tutto di tutto. Ma richiede pazienza (non brilla per velocità).
Emanuele :
uso winmx e mi trovo bene, non sono un gran scaricatore! mi piaciono i cd originali
Salvatore :
ho stampato il massagio per la mia prossima formatata !
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.