Bracciodiferro, Gaetano Pesce - Alessandro Mendini

mostra a cura di Anty Pansera

Milano, 4 - 14 aprile 2013 | Inaugurazione 3 aprile

La mostra itinerante ospitata come prima sede nella quattrocentesca Biblioteca di Santa Maria Incoronata a Milano, curata da Anty Pansera con la collaborazione di Mariateresa Chirico, e promossa da Fragile con il patrocinio di Cassina, presenta oggetti rari - mai esposti insieme prima d'ora - realizzati nei primi anni Settanta dal team denominato Bracciodiferro, da un'idea di Gaetano Pesce che coinvolge poi Alessandro Mendini, a realizzare i pezzi il Centro di Ricerca e Sviluppo Cassina e Aldo Cichero, a volere il tutto Cesare Cassina.

E se il "braccio di ferro" è uno sport di forza, di tecnica, di resistenza e di velocità, ben si può giudicare azzeccata la denominazione di questo gruppo. "Forte" la sua entrata in scena grazie alla sensibilità di Cesare Cassina e di Francesco Binfaré, alla direzione del Centro Cassina - laboratorio di ricerca e sviluppo - dal 1969 al 1975, al contributo di Gaetano Pesce e poi di Alessandro Mendini.

Così, all'insegna della tecnica, ecco venire alla luce prodotti per i quali Aldo Cichero mette a disposizione la sua straordinaria esperienza come tecnico dei materiali.

Gaetano Pesce - Lampada Moloch © Stefano Galuzzi

Apre la serie dei prodotti di Bracciodiferro la lampada Moloch (1972) di Pesce: ben presto e ad oggi, un'icona. Seguono le sedute e i tavoli Golgotha (1972) proposti in varie versioni e misure. La seduta, del resto, ben si abbina a un altro progetto, meno noto, sempre di Pesce, la scrivania Arca per la quale torna il riferimento al Vecchio Testamento. Anche la campagna fotografica per questi prodotti è personalmente seguita da Pesce, che volle attori trasformati in una compagnia di teatranti hippy per metterli in scena, "in un'atmosfera biblica e profetica, la tragicità e l'angoscia esistenziale". Meno noti il portabiti Guanto (un omaggio a Max Klinger) e la poltrona Il Pugno ("si è dischiuso, ecc..." (1972) con un esplicito riferimento "politico".

Gaetano Pesce - Ultima cena -Tavolo e sedia Golgotha

Gaetano Pesce - Modellino Sedia Golgotha © Stefano Galuzzi

Così, dopo "il pathos e la sensorialità" dei prodotti di Pesce, ecco gli "oggetti ad uso spirituale" dell'architetto/designer/teorico Alessandro Mendini, che Pesce stesso volle coinvolgere nell'esperienza Bracciodiferro, e che dal 1970 aveva assunto la direzione di "Casabella", rilanciandola.

Anche Bracciodiferro, nei suoi comunicati stampa, esordisce affermando come «il mobilio di Mendini sia inteso come strumento critico, come proposta per un'interpretazione scenica dell'arredo, condotta al limite della sua impossibilità d'uso […] il loro scopo è […] quello di sconvolgere gli ambienti dove vengono posti». Il materiale di cui sono fatti è pesante e duraturo e indica una condizione di stabilità nel tempo e nel luogo. Si tratta di cose/non/cose, di sub-oggetti, di mobili scenici per finto arredo che, per la loro stravagante presenza, scardinano la logica canonica dell'alloggio.

Lampada Letargo o Lampada senza luce © Stefano Galuzzi - redesign della lampada di M. Brandt Bauhaus 

Ed ecco la sedia Terra (1974), in plexiglas, sughero e terra, che «comunica che l'atto più naturale dell'uomo ai primordi - quello cioè di sedersi sulla terra - lo si compie oggi con disagio, non lo si sa più fare». Segue Voragine, un tavolo dove la "crepa" è, di fatto, un esplicito riferimento alle rotture della terra, un «gioco di terremotazione» (Mendini). La lampada Letargo, poi, fusa in bronzo, riprende l'anonimo freddo disegno della lampada Bauhaus snodabile che ognuno ha avuto sul tavolo ad emettere una luce sfacciata. L'oggetto è presentato da Mendini ingrandito, pesante e irrigidito: nella sua condizione ‘archeologica' emette una luce ambigua, più interiore che esteriore.

Infine il "Monumentino da casa" (1975), detto Lassù, già proposto su un tronco di piramide in una copertina di Casabella. "Oggetto d'uso spirituale", volutamente di "difficile accesso" ma che consente "un punto di osservazione e di ricognizione insolita". Per Bracciodiferro si dota di scalini e consente di guardare le cose dall'alto, è un punto di osservazione e di ricognizione insolita. Serve come piccolo monumento da casa o da strada, dove l'uomo normale può trasformarsi una volta tanto in personaggio da mitizzare. Bracciodiferro si definisce come un'esperienza breve ma stimolante, una collezione portatrice delle nuove istanze che il clima del momento suggerisce e delle provocazioni che giungono da progettisti "contestatori". Prodotti che si caratterizzano per una vocazione ironica e spiazzante, luogo di riflessione sull'uomo e la società: tutti gli oggetti sono infatti intrisi di una coscienza critica del linguaggio adottato che, da Duchamp in poi, è stata tipica dell'avanguardia.

Nel catalogo pubblicato da Silvana Editoriale al saggio storico/critico di Anty Pansera si affianca un articolato repertorio fotografico a colori e in bianco e nero, storico e dell'oggi, non solo dei pezzi in mostra, ma anche di tutti i materiali a corredo e dettagliate schede tecniche degli oggetti a cura di Mariateresa Chirico. Caratteristico dell'esperienza Bracciodiferro, infatti, il mettere a punto oltre al prodotto anche le modalità per comunicarlo, dalla grafica ai cataloghi alle campagne fotografiche, utilizzando i linguaggi più attuali dell'epoca.

Appuntamenti
Inaugurazione: mercoledì 3 aprile ore 18.30 INGRESSO LIBERO
Periodo espositivo: 4 - 14 aprile 2013 | orari: ore 16.00/21.00 | sabato e domenica ore 10.00/21.00
c/o Biblioteca di Santa Maria Incoronata, Corso Garibaldi 116 - Milano

mostra a cura di Anty Pansera con la collaborazione di Mariateresa Chirico / promossa da Alessandro Padoan - Fragile / immagine coordinata Antonella Ferrari / progetto dell'allestimento Patrizia Scarzella
patrocinata da Cassina / volume/catalogo SilvanaEditoriale.

pubblicato in data: