Plastic Village. Il limite imperfetto tra architettura e design

A cura di Cherubino Gambardella

Napoli, 16/18 novembre - 3 dicembre 9 gennaio 2016

Utilizzare conoscenze specialistiche per risolvere i problemi della società. Dovrebbe essere questo il ruolo elevato da affidare all'architettura. Perché allora non iniziare dal tema dell'immigrazione e della prima accoglienza, trovando soluzioni dignitose, e magari a basso costo, per assicurare un'ospitalità degna a chi ne ha bisogno. Di questo si occupano il workshop (16-17-18 novembre 2015) e la mostra (3 dicembre 2015-9 gennaio 2016), curati dall'architetto Cherubino Gambardella, che si terranno a Napoli. 

Si tratta del progetto "Plastic Village - Il limite imperfetto tra architettura e design", portato avanti dalla Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee  in collaborazione con la Fondazione Plart di Napoli.

Da anni la Fondazione Plart, sede di una delle collezioni tra le più importanti al mondo per la sua organicità in materia di polimeri, è un punto di riferimento in materia di conservazione, tutela e restauro delle plastica. Tale ricerca non si esaurisce all'interno della Fondazione stessa, ma si allarga anche all'ambiente accademico, attraverso collaborazioni con Università e Istituti di Ricerca di rilievo internazionale. Proprio partendo da questi presupposti, con il coordinamento e curatela dell'architetto Cherubino Gambardella e sotto il patrocinio della Seconda Università di Napoli, nasce il progetto Plastic Village. L'obiettivo: affrontare una delle questioni più complesse e attuali del nostro tempo: quella dell'immigrazione.

La Fondazione Plart ha trovato in Cherubino Gambardella una mente affine al proprio profilo istituzionale nell'affrontare questo tema: la visione utopica della creazione di un nuovo tessuto urbano che traspariva nella mostra di Gambardella intitolata Supernapoli e presentata nel 2014 alla Triennale di Milano, è il fondamento per affrontare un compito così multiforme come quello di ideare una soluzione abitativa di prima ospitalità in plastica, che non solo risponda alle esigenze tecniche, ma dia anche importanza a valori architettonici, etici e sociali.

L'idea - afferma Gambardella - è creare dei "Plastic Village" che non abbiano un'utilità puramente tecnica, ma che servano a dare «all'accoglienza un carattere gradevole sin dalla prima fase, che è quella più difficile, dell'ospitalità immediata, che va risolta in modo sorridente e architettonicamente plausibile, nell'attesa o di una implementazione definitiva della struttura di prima accoglienza o, ancor meglio, di una più solida politica di integrazione stabile». L'architettura tessile si propone come la risposta al tema della temporaneità, divenendo non più isolamento del diverso ma un mezzo di integrazione degli individui, che in quest'ottica divengono ospiti e non più stranieri.

«In questa mostra/workshop- continua l'architetto -  non ci occupiamo di case finali ma di estetica, potenza plastica e forza dell'emergenza che può trasformarsi in qualcosa che non si butti via ma che si possa migliorare rendere stabile senza configurare un lager o una favela in una grande metropoli europea. Le questioni economiche e sociali legate al problema della prima ospitalità domestica sono problemi serissimi che hanno spesso configurato l'atto stesso di accogliere come una logica di violenta ispezione, di compressione della libertà individuale, di paternalismo antidemocratico».

«Le finalità di questo workshop e di questa istallazione sul tema del villaggio di plastica postulano, invece, senza alcun coinvolgimento ideologico, la necessità di rispondere a una domanda che i territori occidentali si troveranno sempre più spesso davanti al loro destino. Credo vada affrontato recuperando l'immaginoso tema della tenda policroma trasportabile, lavabile, utilizzabile nelle varie zone di una città con la capacità di cambiare sagoma citando i mondi che la accoglieranno».

Il workshop 

Durante il workshop iniziale di tre giorni, gli allievi della Seconda Università di Napoli saranno chiamati ad esplorare, analizzare e proporre soluzioni al tema dell'abitare nomade e dell'ospitalità. L'innovativo metodo di lavoro, che prevede l'utilizzo di un tavolo a piani sfalsati, permetterà agli studenti di fornire, affacciandosi sul lavoro dei diversi partecipanti, una risposta non più solo individuale ma, al tempo stesso, corale.

Lo scopo del workshop sarà l'ideazione di uno spazio abitativo minimo pensato in plastica che non rappresenti solo una soluzione funzionale, quindi, ma che rispetti anche i principi alla base del progetto stesso.

La mostra 

Questa sfida architettonica, etica e culturale, non si esaurisce all'interno del workshop ma diviene la base per creare una mostra che serva da spunto per coinvolgere e far riflettere tutti i partecipanti. Verranno esposte sul tavolo di lavoro, presentato così come gli studenti lo lasceranno dopo il workshop, tutte le loro idee sul tema. Ad esse si aggiunge il prototipo vero e proprio di una unità abitativa in legno e plastica realizzata da Cherubino Gambardella.

Di particolare rilievo risulta l'approccio architettonico di Gambardella alla questione affrontata, che non si limita ad immaginare una soluzione decontestualizzata ma, grazie a 24 disegni realizzati con la ormai rara tecnica del collage e al confronto scaturito durante il workshop, restituisce la sua visione agli occhi dello spettatore quale soluzione partecipata e adattabile ad ogni contesto urbano.

Appuntamenti:
Il workshop: 16-17-18 novembre 2015
La mostra: 3 dicembre 2015-9 gennaio 2016

FONDAZIONE PLART, via Giuseppe Martucci 48 - 80121 Napoli.

pubblicato in data: