Sono più di 300 le aziende e i designer coinvolti, oltre 30 le ore di live talks, 400 i video on demand, 25 i webinar proposti, oltre 50 le esclusive e 80 le anteprime. Un palinsesto che non ha nulla da invidiare a quello che da anni ci hanno abituato, un corollario di eventi che animano la settimana della Design Week meneghina. Con una sola differenza: sfruttare al massimo i canali digitali come strumento di diffusione e divulgazione, momento di scambio - di esperienze, emozioni, visioni - importante per tutte le aziende che hanno necessità di raggiungere il pubblico bypassando la presenza "dal vivo". Ma anche per gli addetti al settore, i buyer, i giornalisti, gli studenti, i designer quest'anno impossibilitati a vivere fisicamente il Fuorisalone.

Un nuovo modo di comunicare insomma, che potrà (e dovrà, mi viene da dire) continuare anche nei prossimi anni, quando l'evento che tutti conosciamo tornerà a realizzarsi con la sua inconfondibile magia, confermando sempre di più la centralità di Milano come leader indiscussa per il design contemporaneo e il suo sistema. "In realtà altro non è che l'accelerazione di un processo in atto, la naturale evoluzione di un percorso nato 20 anni fa" racconta Paolo Casati - cofondatore, con Cristian Confalonieri, di studiolabo, promotore dell'iniziativa. "Abbiamo dovuto riorganizzarci, questo si, attraverso un lavoro partecipato, co-prodotto e nato da instancabili confronti con i brand. Una grande palestra, per il team di studiolabo. La proposta digitale infatti, non sostituisce il momento fisico di incontro (che avverrà, speriamo, in ottobre presso gli showroom), ma gli va in appoggio, amplifica, approfondisce e sostiene i suoi contenuti. Questo spin off digitale - continua Casati - è pensato come format aspaziale, atemporale e crossmediale, in cui l'intrattenimento è la chiave di relazione con un pubblico potenzialmente infinito, ancora di più delle folle che di solito popolano gli eventi del FuoriSalone".

Un nuovo modo di vivere l'esperienza dunque, con anteprime di prodotto, contributi inediti, documentari, lezioni, interviste, format innovativi e concerti. Tutti i contenuti convergeranno su www.fuorisalone.it, che rimane il punto di riferimento, di comunicazione e aggregazione primario.

FORMAT

La piattaforma Fuorisalone Digital si compone di Web Portal, guida di tutto il progetto; Magazine, contenitore di approfondimento sul mondo del design a 360°; Social Media e Newsletter, a cui si aggiungono i nuovi strumenti Fuorisalone Tv e Fuorisalone Meets e i canali dedicati a Cina (Wechat e Weibo) e Giappone (fuorisalone.jp).

Particolare interesse va dedicato al Fuorisalone Tv , piattaforma streaming organizzata in quattro strisce quotidiane, creata per vivere in modo nuovo l'esperienza del Fuorisalone e per far conoscere attraverso format video tutti gli aspetti del design e della cultura del progetto: sarà disponibile in modalità live streaming dal 15 al 21 giugno e on demand ad accesso libero per i mesi successivi (modalità Netflix: i contenuti possono essere fruiti dove, come e quando si preferisce).

Vi diamo qui qualche anteprima imperdibile:

  • Rethink! Service Design Stories a cura di POLI.design - Politecnico di Milano, il primo festival sul design dei servizi in Italia, interviste brevi dal 16 al 20 giugno, tutti i giorni dalle 12:30 alle 13:00 e dalle 18:00 alle 19:00, 
  • Il senso del Design, a cura di Casa Corriere (Corriere della Sera, Abitare e Living), interviste smart ai protagonisti del design e del progetto. Dal 15 al 20 giugno, tutti i giorni dalle 14:30 alle 15:00,
  • Design Digest a cura di H-FARM che proverà a rispondere ad alcune domande"calde": Ma cos'è, oggi, il Design? Quali sono i nuovi campi di applicazione? Chi sono i nuovi attori coinvolti? Dal 15 al 21 giugno, tutti i giorni dalle 14:00 alle 14:30.
  • Regenerate a cura di WORTH Partnership Project tratterà di economia circolare, produzione digitale, materiali ad alte prestazioni, innovazione sociale e artigianalità 4.0. Dal 15 al 21 giugno, tutti i giorni dalle 12:00 alle 12:30.
  • Visionnaire Live Show a cura di Visionnaire tre talk dedicati rispettivamente a Art, Design & Uniqueness, The Ecosystem of Design, All the Beauty is yours. Dal 17 al 19 Giugno dalle 16:30 alle 18:00.
  • The Design System must be protected. Design, for its part, must commit to redesigning the System. A cura di: Belgium is Design. Lunedì 15 dalle 18:00 alle 19:00.
  • Made in Italy e globalizzazione dopo la pandemia. Cosa cambia per l'export delle nostre imprese, e quali opportunità si stanno aprendo per le produzioni italiane. A cura di: Italia Innovation Modera: Federico Fubini (vicedirettore ad personam del Corriere della Sera) Intervengono: Bill Emmott (Direttore The Economist dal 1993 al 2006), Diego Piacentini (oggi Senior Advisor di KKR ed ex commissario del Governo Italiano per la Trasformazione Digitale, ex Senior Vice President di Amazon International ed ex General Manager EMEA di Apple). Lunedì 15 dalle 11:00 alle 12:00.

L'Istituto Europeo di Design invita ad un live talk multivoce martedì 16 giugno alle 15.30, una riflessione aperta sulla nuova normalità del sistema education fra scenari, opportunità e timori. Le scuole sono cambiate in poche settimane e la pandemia ha accelerato lo sviluppo di nuovi modelli, progettati anche per durare nel tempo. Lo IED propone inoltre un appuntamento quotidiano per raccontare in pillole il design, la sua qualità progettuale e multidisciplinare.

Tra i video on demand spiccano le presenze delle aziende con i video di presentazione delle novità di prodotto tra cui: Artek, B&B, Bisazza, CC-tapis, Cedit, Fenix, Florim, Iris Ceramica Group, Molteni&C, Nilufar, Pedrali, Salvatori, Vitra, Tecno, Zanotta. Oltre a contributi delle scuole di design come Politecnico di Milano, IED, IULM, Accademia Abadir e SUPER Scuola Superiore d'Arti Applicate del Castello Sforzesco e istituzioni come Fondazione Vico Magistretti, Fondazione Franco Albini, Fondazione Ordine degli architetti di Milano, Fondazione Ordine degli architetti di Torino.

«Siamo molto contenti, anzi posso dire addirittura felici, oltre che soddisfatti.» chiosa Paolo Casati.
Pronti? Via!

Tra i brand che hanno scelto Fuorisalone Digital come palcoscenico virtuale del loro evento segnaliamo: 6x6 - Cesare Roversi arredamenti, Acerbis, ADD, Adrenalina, Agape12, Arkimia, Arper, Artek, Atelier De Troupe, B&B Italia, Bisazza, Boito Sarno Architects, Carvico, cc-tapis, Cedit, CIMENTO, Code, Cristina Rubinetterie, D-ICON, DforDesign, Diab Group, Deutsche Telekom, DOME, Elica, Errante Design, ETRO Home, Expochain, Fenix, Florim, Fornasetti, Galleria Paola Colombari, Georges Store, Gianfranco Ferrè Home, Green Wise Italy, Home Tres Chic, inVRsion, Iris Ceramica Group, Italgraniti, JCP, Jumbo Collection, Kasthall, Kohler, Lamborghini, Land Rover, Londonart, Masiero, Medit Italia, Memphis, Mentemano, Merck, Milesi, MIXCYCLING, MyMosaic, Molteni&C | Dada, Nilufar, Norwegian Presence, Novacolor, Pedrali, PUPUPULA, Reflex, Roberto Cavalli Home, Saba, SAG'80, SAIB, Salvatori, Signature Kitchen Suite, Society Limonta, Studio Italia Design, Tacchini, Tai Ping, Tecno, Tecnografica, Tecnotelai, The Placemakers, Tiburtini, Toncelli, Vescom, Visionnaire, Vitra, Wacom, WAW Collection, Woak, Wood-Skin, Zanotta, Zucchetti.

Tra le principali zone del design, percorsi tematici e collettive: Artemest, Belgium is Design, Brera Design District, Institut français, Isola Design District, KbWindow, Materially, Swiss Design District, Theatro, Tortona Rocks, Virtual Design Variations, Virtual Design Variations - Focus Portugal, Worth.

Cultural Partner: Accademia Abadir, Action Group - Infoprogetto, BASE, Design Group Italia, Design Resistenza, DesignTech, Digital to Asia, Fondazione Albini, Fondazione per l'architettura / Torino, Fondazione Ordine degli Architetti di Milano, Ordine degli Architetti di Torino, Festival Bottom Up, Freitag, H-farm, Hi-Hack, Hi-Interiors, ICS International School, IED, Italia Innovation, IULM, LeftLoft, Materially, NABA, Next Atlas, Playful Living, POLI.design - Politecnico di Milano, RCS MediaGroup, Politecnico di Milano, Shenzhen Creative Week, SIB, SUPER, SUPERSTUDIO.

Media Partner: Abitare, Archiproducts, Architonic, Artribune, C41 Magazine, Corriere della Sera, Exibart, Feel Desain, Dezeen, HAUS- Gazeta do Povo, Le Grand Mag Newsroom, Living, Syncronia, Yes Milano e con il Patrocinio del Comune di Milano.

di Giulia Mura
© RIPRODUZIONE RISERVATA