Riccardo Dalisi '71-'74. Il Rione Traiano di Napoli e la partecipazione come progetto

in mostra fotografie, oggetti e modelli

pubblicato il: - di Elisa Scapicchio

Torino, 4 maggio - 30 settembre 2022

Era il 1969 quando l'artista, architetto e designer visionario Riccardo Dalisi incoraggiò i ragazzi di strada del Rione Traiano, a Napoli, a progettare - senza effetti inibitori del sistema formativo - piccoli arredi ed elementi architettonici, utilizzando materiali semplici come legno, spago e fili di metallo.

Proprio a quest'esperienza è dedicata la mostra organizzata a Torino dal Circolo del Design (la prima dedicata alla sua figura dopo la scomparsa) realizzata in collaborazione con l'Archivio Riccardo Dalisi e il Museo Madre di Napoli, e visitabile fino al 30 settembre.

Professore di Progettazione alla Facoltà di Architettura dell'Università Federico II, direttore e docente della Scuola di specializzazione in Disegno industriale, fondò - insieme con Sottsass, Mendini e altri - Global Tools, espressione dell'architettura radicale le cui opere sono esposte in musei tra cui il Centre Pompidou a Parigi e il Madre a Napoli. Nel 1981 vinse il Compasso d'Oro. 

Non mancarono i successi nella florida carriera di Dalisi, ma quella del Rione Traiano fu un'occasione unica per sperimentare, in un quartiere difficile, la propria forma di animazione sociale: un periodo di quattro anni che rafforzò la sua ricerca incentrata sull'incontro tra design, pedagogia, arte e artigianato, focalizzata sul coinvolgimento delle comunità più fragili anche in un'ottica di sviluppo umano attraverso la collaborazione, la partecipazione attiva e il potenziale di creatività.

L'obiettivo dell'operazione era quello di provocare un riscatto socio-educativo, chiara testimonianza dell'approccio antropologico che caratterizzava le istanze del design di quel periodo.

Per queste ragioni, Dalisi documentò le attività - definite da lui stesso "animazioni" - attraverso una serie di riflessioni appuntate su un diario e con gli scatti di numerose fotografie, strumenti di progetto che testimoniavano la partecipazione e lo spirito collettivo come stimolo di cambiamento sociale.

Curata da Luca Beatrice, l'esposizione si inserisce nella nuova programmazione culturale del Circolo del Design Design Together Now, che da maggio a ottobre indagherà il tema del nuovo ed emergente bisogno di comunità verso cui il design può essere un potente strumento di costruzione di risposte.

"Scomparso nelle scorse settimane durante la preparazione di questa mostra - racconta il curatore - Riccardo Dalisi si è dedicato intensamente alla creazione di un rapporto articolato e creativo tra architettura e design, scultura e pittura, arte e insegnamento, mantenendo al centro lo sviluppo umano attraverso il dialogo e il potenziale della creatività. Cinquant'anni dopo l'esperienza del Rione Traiano di Napoli Dalisi si legge oggi come una figura di importanza storica e preveggente verso il futuro, che ha intuito come le discipline si fondano in confini fluidi, ibridi, sperimentali".

L'allestimento

La mostra si articola attraverso due sale. Il primo ambiente accoglie il visitatore facendolo immergere nel Rione Traiano dell'epoca, ricostruito attraverso le suggestive immagini congelate durante l'esperienza nel quartiere, testimonianza della vita del designer e della storia e della cultura dell'Italia in quegli anni.

Tra i materiali in mostra, compare anche un video originale dell'epoca, che documenta il processo di lavoro che ha portato alla realizzazione dei numerosi oggetti.

La seconda sala lascia spazio ai manufatti prodotti durante l'esperienza nel Rione, in prestito dal Museo Madre e dall'Archivio Dalisi: un'esplosione di creatività generata dalle mani dei bambini tra ricami, piccole sedute realizzate con materiali di recupero, disegni e schizzi, modellini aerei di spago, carta e legno, maquette dell'Asilo Traiano, troni in cartapesta.

In conclusione, la rivisitazione della caffettiera napoletana per Officina Alessi, che portò Dalisi alla vittoria del Compasso d'Oro, anticipato da un decennio di laboratori partecipati tra artigiani e cittadini nella riconfigurazione, anche ironica, di questo iconico oggetto regionale. 

Design Together Now | gli incontri

Da maggio a ottobre 2022, online e offline, Design Together Now indagherà il design come strumento al servizio del nuovo ed emergente bisogno di comunità, sentimento mutato e rinnovato a seguito delle esperienze che la collettività ha affrontato negli ultimi anni e di cui oggi sono evidenti gli effetti.

Tra i tanti ospiti che interverranno, oltre a Luca Beatrice (curatore della mostra) accompagnato da Michele Bonuomo (direttore di Arte) e Susanna Parlato (architetto e ricercatrice alla Sapienza Università di Roma), anche Franco Raggi (architetto e membro di Global Tools con Riccardo Dalisi) che racconterà il contesto culturale in cui si inseriva il suo lavoro; i romani Orizzontale e i berlinesi Raumlabor, sul tema della progettazione degli spazi e della co-progettazione incontreremo due collettivi di architetti.

Maggiori informazioni sugli incontri → circolodeldesign.it

RICCARDO DALISI '71-'74
IL RIONE TRAIANO DI NAPOLI E LA PARTECIPAZIONE COME PROGETTO

Circolo del Design - Torino
via San Francesco da Paola 17

Quando 4 maggio - 30 settembre 2022
Orari: lunedì - venerdì | ore 14.00 - 19.00

La mostra è accessibile ai soli soci del Circolo. Il costo del tesseramento è di 10 euro ed è valido per un anno.

+info: circolodeldesign.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

mag 04
set 30

Riccardo Dalisi '71-'74. Il Rione Traiano di Napoli e la partecipazione come progetto in mostra fotografie, oggetti e modelli
Circolo del Design, via San Francesco da Paola 17, Torino

segna in agenda su: OutlookGoogleYahooWindows Live (Hotmail)iCal (Mac OSX)aggiungi al calendario