Napoli, si sa, è una città che non stanca mai, tra il fascino smisurato degli stretti vicoli tra via dei Tribunali e San Biagio dei Librai, il tradizionale baccano lungo le strade e le interminabili tentazioni per la gola.

Se poi ci si mettono in mezzo architettura e design, con visite ai suoi luoghi segreti, il gioco è fatto: impossibile mancare!

Tra settembre e ottobre, la città partenopea ci offre infatti diversi motivi per una visita last minute.

Noi ve lo diciamo per tempo, così che possiate organizzarvi in tranquillità e magari approfittarne per una mini vacanza in memoria della calda e troppo breve estate.

La staffetta inizia il 28 settembre con la quinta edizione di ARCHITETTURA OPEN HOUSE, il format ideato dalle giornaliste Annalisa Tirrito e Daniela Ricci per far conoscere alcuni tra i più attivi professionisti della città, tra grandi progetti e interventi di interior design, in case, studi e cantieri a Napoli e fuori porta.

Il 1 ottobre il testimone passa a OPEN HOUSE NAPOLI, tappa sud del circuito Open House Italia, che ogni anno apre luoghi segreti e generalmente inaccessibili della città

Sprint finale, nel weekend dal 7 al 9 ottobre, con EDIT NAPOLI, la fiera dedicata al design editoriale e d'autore sostenibile e consapevole che mette in scena progetti site specific in alcune delle location più suggestive della città e che vedrà quest'anno, tra i numerosi ospiti, anche l'architetto e designer Michele De Lucchi con un'installazione site specific.

ARCHITETTURA OPEN HOUSE

mercoledì 28 settembre - sabato 1 ottobre 2022

Alla sua quinta edizione, anche quest'anno Architettura Open House, animerà la città con focus sugli architetti e l'architettura partenopea.

La maratona inizierà il 28 settembre alle 11.00 con EOSS Architettura che presenterà un nuovo concept bar prossimo all'apertura all'interno dell'Hotel Continental, con un design ispirato da numeri ed elementi chimici.

Alle 12.00 appuntamento a Studio 147 a Fuorigrotta per ammirare la collezione di design degli anni '70/'80 dell'architetto Gaetano Troncone, mentre alle 17.00 si torna nel cuore di Napoli, a Chiaia per esplorare alcuni progetti di interior design firmati dagli architetti Lia Chiaiese e Valentina Solano.

Sempre a Chiaia alle 17.30, accoglienza nello Studio KR & Associati e Studio Speri per respirare aria di grandi strutture e progetti pubblici nati dal sodalizion tra architetti e ingegneri, per concludere poi, alle 18.00 con un aperitivo in una casa privata con terrazzo ad opera dell'architetto Francesca Marra.

La giornata del 29 settembre inizia alle 12.00 presso lo studio MF Architecture dell'architetto Felice Meo per scoprire materiali e forme del restauro architettonico, e poi alle ore 18.00 all'interno di una casa napoletana panoramica in Piazzetta Aniello Falcone appena ristrutturata dallo Studio Archis.

Infine, alle 19.00, tappa nel centro di Napoli per visitare lo studio Od'A Officina d'Architettura e scoprire progetti e approccio alla professione.

Il 30 settembre alle 10.30 appuntamento a Forcella per una visita al cantiere della Casa della Musica (con giardino, chiesa e appartamento) seguito dall'architetto Giuseppe Albanese e poi, alle 12.00, sempre nel centro storico, una trasformazione dell'antico in chiave moderna ad opera dello studio JC Servizi di Architettura.

La giornata si conclude poi al Vomero, alle ore 18.30 da Ars Constructa, in casa e studio degli architetti Alfredo Ciollaro e Manuela Tirrito, alla scoperta del verde verticale in un ampio balcone/terrazzo, tra convivialità e scelte architettoniche moderne e accattivanti.

Ultima giornata, il 1 ottobre alle 11.00 negli spazi della Pontificia Facoltà Teologica dell'Italia Meridionale a Posillipo con il racconto del cantiere di ristrutturazione dell'architetto Francesco Scardaccione, e poi, alle 12.00 un'immersione nel mondo dell'arte contemporanea con la visita a Studio Trisorio.

+info | programma completo

OPEN HOUSE NAPOLI

1 - 2 ottobre

Sono 130 i luoghi coinvolti quest'anno, tra eventi urbani, visite guidate, laboratori ed eventi.

Dalle periferie al centro storico, anche quest'anno Open House Napoli racconterà in modo inedito la città, dalla storia al presente, per immaginarne il futuro.

Al momento della prenotazione - che consigliamo di effettuare quanto prima per via dell'esaurimento posti - alla voce "Tipologia" si potrà selezionare la sezione desiderata: Edifici storici e luoghi di cultoEventi e percorsi • Gli spazi delle arti • Infrastrutture • La città creativa • La città della conoscenza • La città ospitale • OHN Kids • Reinventare la città • Residenze private • Studi di Architettura • Verde urbano.

Tra i luoghi da non mancare l'Archivio Riccardo Dalisi, che raccoglie più di 20 mila documenti tra fotografie, diapositive, progetti di design e architettura dedicati ai ricercatori; i cantieri delle metro Chiaia - Monte di Dio, San Pasquale , Stazione Miano, per scoprire l'evoluzione della città dal punto di vista dei trasporti; il Comprensorio Olivetti, che sfidò le sorti del progresso industriale del Mezzogiorno; la Sede Centrale dell'Archivio di Stato, con le sue 300 sale, la più ampia e ricca raccolta documentaria dell'Italia meridionale, con volumi, opuscoli, manoscritti, atti ufficiali, pergamene e documenti riguardanti la città di Napoli dal X secolo all'epoca moderna.

E poi gli spazi sotterranei della chiesa di Santa Maria della Misericordia ai Vergini, che grazie a un intenso lavoro di recupero, studio e valorizzazione tuttora in corso, è stato riaperto al pubblico ed è diventato un centro di attività dedicate alle arti visive e alle discipline storico-artistiche.

Per chi invece prederisce le passeggiate, Percorso intermezzo urbano - punti di vista, farà scoprire nuove prospettive della città; oppure La nostra storia nel tufo del Cavone, per tornare indietro negli anni; o il percorso Parco dei Murales, a caccia degli 8 interventi di street art sulle facciate degli edifici.

Insomma, ce n'è per tutti! Basterà dedicare qualche minuto alla scelta dell'itinerario o del sito più adatto alle vostre curiosità.

+info: | programma

Cantiere Chiaia - Monte di Dio | photo courtesy © Open House Napoli

Chiesa di Santa Maria della Misericordia ai Vergini | photo courtesy © Open House Napoli

EDIT Napoli

7 - 9 ottobre 2022

La IV edizione di EDIT Napoli, fiera dedicata al design editoriale e d'autore sostenibile e consapevole, consolida il rapporto tra la città partenopea e il design, diventando il terreno fertile di contaminazione tra realtà nazionali e internazionali.

Diretta da Emilia Petruccelli e curata da Domitilla Dardi, anche quest'anno la manifestazione aprirà ai visitatori alcuni luoghi simbolo della città, arricchendoli di ceramiche, tessili, arredi, rivestimenti, complementi e luci.

Parliamo del Complesso Monumentale di San Domenico Maggiore, cuore della fiera, la Chiesa dei SS. Filippo e Giacomo, la Chiesa museo di Santa Luciella e Palazzo Venezia che vedranno la partecipazione, oltre alle realtà consolidate, anche di nuovi protagonisti e aziende rappresentative del settore dell'abitare.

Grande attenzione per gli espositori under30, a cui sarà dedicata l'area Seminario, allestita dagli studenti dell'Accademia di design e arti visive Abadir di Catania con ampia rappresentanza olandese grazie alla call Young Dutch Titans, lanciata per il secondo anno consecutivo in collaborazione con l'Ambasciata e il Consolato Generale dei Paesi Bassi in Italia. 

Tra i progetti speciali vedremo Astrid Luglio per Feudi di San Gregorio, il progetto di un bar realizzato con materie e tecniche artigianali del territorio irpino al centro del Chiostro di San Domenico, frutto di una residenza artistica nell'omonima cantina.

Ci sarà l'artista Agostino Iacurci per San Patrignano, sempre all'ingresso del Chiostro di San Domenico, che ha coinvolto il Design Lab della comunità di San Patrignano per l'allestimento di una suggestiva mostra introduttiva.

E poi la collaborazione con VID | Venice Innovation Design, l'appuntamento che vede protagonista il processo di rigenerazione urbana in atto nell'isola della Laguna di Venezia, e DComeDesign, protagonista di un talk sabato 8, alle ore 18, presso la PLART Foundation, dal titolo "Creatività e sensibilità al femminile, un valore progettuale al di là del gender".

Ma arriviamo alla sezione più attesa, quella degli EDIT CULT, il programma diffuso di esposizioni dedicate alla cultura del progetto che ha lo scopo di aprire al pubblico e valorizzare alcuni dei luoghi più prestigiosi di Napoli, presentando al loro interno lavori di risonanza internazionale.

In questa quarta edizione vedremo:

  • MICHELE DE LUCCHI con "Le Casette delle Pezzentelle" | Chiesa museo di Santa Luciella
    Una serie di casette in legno colorate realizzate appositamente per la cripta della chiesa, il cui spazio ipogeo rappresenta la testimonianza dell'antico culto popolare delle pezzentelle, ovvero anime di defunti senza identità che, dopo essere state "adottate" divenivano protagoniste di una credenza popolare.

  • ALLEGRA HICKS con "Divinazione" | Chiesa dei SS. Filippo e Giacomo
    Un arazzo di seta esposto in un luogo sacro, frutto della mente creativa della designer londinese che fonde insieme artigianato, prodotto e textile art.

  • PIET HEIN EEK con "Parallels" | Fondazione Made in Cloister
    Lentezza dell'artigianato, cura e qualità abbinate a materiali accessibili saranno la chiave della mostra curata dal designer olandese Piet Hein Eek, che per l'occasione ha selezionato sette giovani designer accomunati dall'attenzione verso la sostenibilità: JB Gambier, Teun zwets, Sho Ota, Massimo Pavan, Paul Coenen, Rikkert Paauw, Tweek eek.

  • RUMI DALLE per House of Today | Palazzo Venezia
    L'artista libanese, dopo lo studio degli antichi mestieri dell'artigianato napoletano, presenterà - insieme all'artigiana della cartapesta Teresa Cervo - le nuove opere all'interno dello storico Palazzo Venezia, nel cuore della città di Napoli.
  • PATRICIA URQUIOLA con Hybrida | MADE IN EDIT
    Presentazione del nuovo restauro del giardino didattico interno dell'Istituto Caselli Real Fabbrica di Capodimonte, realizzato grazie all'asta solidale dei prototipi della collezione HYBRIDA firmata da Patricia Urquiola.

Scopri il programma e tutti gli espositori

© RIPRODUZIONE RISERVATA

set 28
ott 09

Napoli, staffetta di eventi nella città partenopea: Architettura Open House, OPEN HOUSE e Edit Napoli Scopriamo i programmi e iniziamo a mettere in agenda gli appuntamenti
Napoli

segna in agenda su: OutlookGoogleYahooWindows Live (Hotmail)iCal (Mac OSX)aggiungi al calendario