La Scala nel cuore di Milano e del mondo

Milano, 30 nov 2004 - 9 gen 2005

La Triennale di Milano festeggia la riapertura del Teatro alla Scala dopo due anni di lavori di restauro e ristrutturazione presentando una inedita mostra, curata da Luca Molinari, dedicata ai progetti più significativi portati avanti da architetti contemporanei in Italia ed Europa per la riqualificazione di teatri all’italiana o come spunto progettuale per un nuovo edificio per la musica.

La ristrutturazione del Teatro alla Scala di Mario Botta sta dimostrando come sia possibile costruire un confronto vitale tra architettura antica e opera contemporanea, insieme il teatro, e in particolare il teatro all’italiana, come tipologia architettonica continua a mantenere una forza e una riconoscibilità pubblica straordinaria che conosce una continua metamorfosi nei secoli senza mai perdere la sua identità.

Il modello del Teatro alla Scala di Mario Botta introduce la sequenza dei modelli dei progetti di Aldo Rossi per il Teatro della Fenice di Venezia e del teatro Carlo Felice a Genova, l’intervento di Danilo Guerri per il Teatro delle Muse ad Ancona, il provocatorio progetto di Dominique Perrault per il raddoppiamento del teatro Marinskij a San Pietroburgo, l’intervento di Jean Nouvel per la ristrutturazione del Teatro dell’opera di Lione, il progetto del giovane francese Rudi Ricciotti per il teatro di Postdam e i nuovi interventi per teatri di nuova fondazione di Renzo Piano all’interno del Lingotto a Torino e di Vittorio Gregotti per il Teatro degli Arcimboldi a Milano.

I modelli sono presentati scenograficamente lungo lo scalone d’onore del Palazzo della Triennale. Una mostra concepita per comunicare direttamente e con facilità la ricchezza e complessità del progetto architettonico.

La Scala nel cuore di Milano e del mondo
Volti nuovi di antichi teatri
Triennale di Milano
30 novembre 2004 – 9 gennaio 2005
Inaugurazione: 29 novembre 2004, ore 18.30
A cura di Luca Molinari
Orario: 10.30 – 20.30, chiuso il lunedì
Ingresso libero

pubblicato in data: