Arte a Los Angeles

Una rosa di sei nomi, comprendente ben quattro vincitori del Pritzker Prize  (latimes.com), ristretta a due contendenti: sarà scelto tra Rem Koolhaas/OMA e Diller Scofidio & Renfro, il progettista del futuro Broad Art Museum di Los Angeles. Nonostante la riservatezza della competizione organizzata dalla Broad Foundation e della parallela trattativa "con gli amministratori della contea e della città" (latimes.com), sono filtrate indiscrezioni sulle proposte finaliste e sulle caratteristiche dell'area individuata per la costruzione (artinfo.com).

Il lotto prescelto si troverebbe in prossimità della Disney Hall (bdonline.co.uk), ma - almeno secondo Artinfo - il mecenate Eli Broad, proprietario della collezione di opere di arte contemporanea destinate a popolare il museo, avrebbe espressamente chiesto agli architetti a non "cimentarsi con le ondulazioni selvagge di Gehry" (artinfo.com). Nel gruppo di studi invitati a proporre soluzioni rientravano anche Jacques Herzog & Pierre de Meuron, SANAA (Ryue Nishizawa e Kazuyo Sejima), Foreign Office Architects e Christian de Portzamparc (latimes.com).

A partire da uno schema generale con "un atrio di 464 mq, un negozio di libri di 325 mq e gallerie ai piani superiori... illuminate da lucernai" (artinfo.com), lo sviluppo dei singoli progetti sarà influenzato dalle peculiarità espressive dei professionisti selezionati: l'edificio immaginato da Diller Scofidio & Renfro sarebbe contraddistinto da un rivestimento traforato, mentre, la struttura di Rem Koolhaas comprenderebbe una copertura voltata in alluminio "posta su un atrio vetrato circondato su quattro lati da una piazza pubblica ombreggiata" (artinfo.com).

Sito ufficiale della Broad Art Foundation

pubblicato in data: