100% Danimarca

Una struttura dotata di 12.500 posti a sedere, ma pensata per contenere fino a 15.000 spettatori in piedi, da realizzare nel quartiere di Ørestad, ovvero in una delle due aree di sviluppo della capitale danese - l'altra è Nordhavnen - citate nei mesi scorsi dal New York Times come "esempi rappresentativi del modo in cui le grandi città del mondo potrebbero espandersi responsabilmente" (orestad.dk): la futura Copenhagen Arena verrà costruita in un distretto ad alta concentrazione di architetture contemporanee (orestad.dk), in cui ricadono opere di Jean Nouvel (DR oncerthuset), Henning Larsens Architects (IT University of Copenhagen) e Bjarke Ingels Group/BIG (VM-housing; Mountaiun Dwellings).

L'arena sorgerà in base allo schema che 3XN (leisureopportunities.co.uk) ha presentato al concorso di progettazione lanciato nell'autunno del 2011 e concluso in questi giorni (architectsjournal.co.uk). La giuria, dopo una iniziale riduzione delle quaranta proposte ricevute a una lista ristretta di cinque raggruppamenti, ha scelto la soluzione elaborata dallo studio fondato da Kim Herforth Nielsen (3xn.dk), per la sua "chiara identità nordica" (architectsjournal.co.uk), coerente con l'esigenza di creare una totale apertura dell'opera verso la città.

In realtà, il gruppo guidato dai danesi 3XN includeva una forte componente "anglosassone", rappresentata da HKS architects (Stati Uniti), Arup (Regno Unito) e ME Engineers (Stati Uniti). L'elenco dei team ammessi alla fase finale della competizione per la Copenhagen Arena comprendeva anche (architectsjournal.co.uk): CF Møller, Grimshaw, Arup, Niras e Marianne Levinsen;
 Foster + Partners, Arkitektfirmaet 78 e Arup;  Hopkins Architects, Pöyry, Friis & Moltke, Arup, Rambøll e Jeppe Aagaard Andersen; Populous, Dissing+Weitling, Buro Happold, Rambøll, Schönherr, Vanguardia e Charcoal Blue.

Come previsto dal progetto vincitore, il volume dell'edificio deriverà dall'interazione  tra il "podio" squadrato  e la parte superiore, movimentata dal profilo ondulato (3xn.dk). "Il disegno dell'elemento che costituisce la base consente la creazione di un certo numero di spazi e nicchie da usare per scopi ricreativi e per regolare il movimento degli spettatori...Allo stesso tempo, la sommità dell'edificio vanterà una facciata semitrasparente con terracotta gialla e vetro per consentire alla luce naturale di raggiungere il foyer" (leisureopportunities.co.uk).

I lavori per la Copenhagen Arena dovrebbero concludersi nel 2015 (architectsjournal.co.uk).

Immagini (da designbuildsource.com.au)

Per saperne di più sul distretto di Ørestad (da orestad.dk)

pubblicato in data: - ultimo aggiornamento: