Cherchez la femme

Il punto di partenza è la riflessione sui dati che delineano una condizione "minoritaria" delle donne nell'ambito dell'architettura - in Francia, ma non solo. Per contrastare la difficoltà di accesso alla libera professione e la scarsità di riconoscimenti al talento delle progettiste, l'ARVHA (Association pour la Recherche sur la Ville et l'HAbitat) ha istituito il "Prix Femmes Architectes", che da quest'anno verrà assegnato a "donne architetto francesi... iscritte all'Ordine e... autrici dei progetti che presentano" (femmes-archi.org).

La cerimonia di consegna si svolgerà a Parigi il prossimo 16 dicembre (batiactu.com), presso il Pavillon de l'Arsenal, e interesserà tre categorie di premio, con altrettanti destinatari: l'opera originale realizzata da una donna architetto; una donna architetto per un gruppo di (al massimo cinque) progetti realizzati; una donna architetto con meno di quaranta anni, per progetti (da tre a cinque), anche non realizzati (batiactu.com).

La quota femminile, che in Francia rappresenta il 55% degli iscritti alle facoltà di architettura  (femmes-archi.org), si riduce al 9% degli architetti che svolgono in autonomia la professione."Questo premio ha come obiettivo principale rendere un tributo, per la qualità della loro idea di architettura, ai progetti e ai percorsi professionali di donne architetto, e come corollario, facilitare il riconoscimento del ruolo delle donne nel mondo dell'architettura e delle costruzioni, specialmente in Francia e in Europa"  (femmes-archi.org).  

I criteri  per la selezione delle tre vincitrici tenderanno a favorire l'originalità, la capacità di relazione con la committenza, la sensibilità ai temi ambientali e tecnologici, e l'impegno nella divulgazione. In generale, il "Prix Femmes Architectes" è orientato allo sviluppo futuro dell'architettura: al centro c'è la speranza "che le giovani donne architetto si possano ispirare a modelli femminili esistenti,  incoraggiando la parità all'interno della professione" (batiactu.com).

Per saperne di più (femmes-archi.org)

pubblicato in data: