Icona a colori

L'incarico per il progetto di un museo dedicato alla storia geologica e alla biodiversità dell'istmo di Panama  risale al 2002, ma già alla fine degli anni '90 Frank Gehry aveva partecipato a una charrette (archrecord.construction.com) - "una sessione intensiva di progettazione in cui cittadini, progettisti e altri collaborano su una visione di sviluppo" (tndtownpaper.com) - per ipotizzare la destinazione futuribile dell' "ex sito della base dell'esercito americano" scelto come luogo per il nuovo edificio.

A dodici anni di distanza, in concomitanza con il centenario del Canale che collega l'Oceano Atlantico al Pacifico (pancanal.com), è stata fissata per il 22 maggio (anpanama.com) l'apertura al pubblico del cosiddetto Biomuseo, ovvero del "Puente de Vida Museum"(archdaily.com) ideato da Frank Gehry Partners, con la collaborazione dell'architetto paesaggista Edwina von Gal e di Bruce Mau Design.

L'opera, che rappresenta una "prima" assoluta per Gehry in America Latina, nasce con l'intento di sensibilizzare  abitanti di Panama e visitatori stranieri sulle particolarità del territorio e sulla necessità di salvaguardare l'equilibrio dell'ecosistema.

Circondato da "un parco botanico aperto che fa da complemento alle esposizioni interne...Il museo è composto da padiglioni che contengono eposizioni interattive... coperti da tettoie dai colori brillanti che saranno visibili da grande distanza da parte dei visitatori in arrivo nel porto vicino a bordo delle navi da crociera" (archdaily.com).

Il riferimento a Bilbao è quasi inevitabile, anche se le analogie con l'architettura-simbolo del maestro di origine canadese si fermano al profilo frammentato della copertura, e alla sovrapposizione "a cascata" delle singole tettoie ripiegate. Al di là degli sforzi per aggiungere fondi al finanziamento iniziale dello stato panamense, gran parte degli ostacoli che hanno rallentato la costruzione del Biomuseo sono derivati dalla difficoltà di realizzare l'involucro con i mezzi a disposizione in loco.

"Molti componenti, come la complessa copertura e le tettoie in acciaio, o il calcestruzzo architettonico, sono praticamente un territorio inesplorato per le squadre di lavoratori panamensi: per una certa quantità di elementi è stato necessario ripetere più volte l'istallazione. Alla fine... l'architetto ha dovuto venire a patti con le limitazioni locali e ridimensionare le sue aspettative" (archrecord.construction.com).        

"Benché la geometria sia quella caratteristica di Frank Gehry,... le rifiniture esterne - intonaco su un substrato di calcestruzzo - sono quello che ci si aspetta comunemente a Panama, in una fusione dell'estetica di un celebrato architetto internazionale con l'artigianato della cultura locale" (archrecord.construction.com).

Immagini (da archdaily.com)

pubblicato in data: