Parte il piano per l'edilizia scolastica - la mappa interattiva per regione

coinvolti 20.845 edifici e 4 milioni di studenti

Al via il piano di edilizia scolastica da 1 milione di euro. Coinvolti 20.845 edifici e 4 milioni di studenti. L'intervento si divide in tre filoni, che riguardano: la costruzione di nuove scuole o importanti manutenzioni da attuare attraverso risorse comunali liberate grazie ad un allentamento del patto di stabilità interno, per un valore di 244 milioni; interventi di messa in sicurezza per ulteriori 510 milioni provenienti dal Fondo di sviluppo e coesione e indirizzati verso le scuole grazie alla delibera del CIPE dello scorso 30 giugno; infine ci sono le risorse per interventi di decoro e di piccola manutenzione. Per mettere in sicurezza le strutture scolastiche è stata istituita una Unità di missione presso la Presidenza del Consiglio in collaborazione con il MIUR.

In particolare, lo sblocco del patto di stabilità permette di attivare 404 cantieri, alcuni in corso, altri in partenza. Tutti i sindaci che hanno scritto all'indirizzo di Matteo Renzi per chiedere di sbloccare il patto di stabilità per interventi subito cantierabili e finanziati con risorse comunali, «hanno trovato accoglimento nei DPCM firmati dal Presidente in giugno» fanno sapere da Palazzo Chigi. «I sindaci - affermano dal Governo - riceveranno la comunicazione dalla Ragioneria dello Stato secondo le procedure gestionali ordinarie di sblocco del patto per l'anno 2014 e 2015. Per gli altri sindaci che - rispondendo all'appello del Governo - hanno chiesto finanziamenti o lo sblocco del patto per interventi che inizieranno nel 2015, si aprirà una nuova possibilità con il prossimo Documento programmatico di economia e finanza e con i mutui in fase di attivazione con oneri a totale carico dello Stato».

Quanto alla messa in sicurezza, essa riguarderà un totale di 2.480 interventi del valore medio di circa 160.000 euro. Si tratta di interventi già inseriti in graduatoria e che potranno partire una volta terminato l'iter delle delibere. Per usufruire dei finanziamenti, Comuni e Provincie dovranno aggiudicare gli appalti entro il 30 ottobre 2014. Saranno portati così a termine i primi 1.635 interventi previsti dal DL Fare. Accertati i ribassi d'asta, saranno, poi, finanziati altri 845 progetti previsti dal MIUR.

Mappa InterattivaElenco dei finanziamenti suddiviso per Regioni e Comuni

pubblicato in data: