CasaClima Awards 2016: i vincitori dei "cubi d'oro"

Dopo aver lanciato il CasaClima Awards 2016, lo scorso 9 settembre, l'agenzia costantemente impegnata nella promozione di edifici sostenibili ha assegnato i "cubi d'oro" ai migliori tra i 1300 edifici certificati nell'anno precedente.

La cerimonia di premiazione si è svolta presso il cortile di Castel Mareccio, a Bolzano.  Durante la consegna dei premi sono stati puntati i riflettori su uno dei principali attori del processo costruttivo: il committente. 

A volte, infatti, questo è lasciato in secondo piano, nonostante sia sempre più evidente che la buona riuscita e la qualità di un edificio possano essere ottenute soltanto grazie ad una collaborazione tra il promotore, il progettista e il costruttore.

L'evento è stato aperto dal presidente dell'Agenzia CasaClima Fattor, che ha ringraziato i partecipanti sottolineando l'importanza della sinergia che può scaturire dalla collaborazione di chi interviene nella costruzione di edifici sostenibili. I progettisti che hanno preso parte alla competizione hanno dato prova, in questi anni, di quanto l'impegno dei professionisti possa condurre ad uno sviluppo continuo della certificazione CasaClima. 

I premi CasaClima Awards 2016

Casa Piazza Delago (Bolzano) - Arch. Andreas Lengfeld, Arch. Pavol Mikolajcak

Il primo premio è andato ai proprietari del condominio di Piazza Delago per il pregevole intervento di nuova edificazione che ha reso questa importantissima piazza di Bolzano un luogo originale e contemporaneo.

L'edificio sorge su un'area denominata Ex-Bar Sabina ed è composto da due piani interrati e cinque fuori terra. Gli ambienti a livello della strada sono a destinazione commerciale, i piani superiori ospitano tre appartamenti.

La facciata è in calcestruzzo bocciardato dal colore giallo ottenuto grazie a un cemento composto da inerti di pietra locale. 

Le finestre sono realizzate in alluminio in triplo vetro e schermate da persiane in legno scorrevoli.

Gli impianti sono stati progettati nel rispetto della ricerca del comfort abitativo e richiedono bassi costi di esercizio e di manutenzione. Il riscaldamento è assicurato da una caldaia a condensazione che alimenta un sistema di pannelli radianti a pavimento, mentre il benessere dell'aria è garantito da un impianto di ventilazione meccanica.

Palestra per l'arrampicata sportiva (Brunico) -  Arch. Helmut Stifter

La giuria ha premiato la Palestra per l'arrampicata sportiva di Brunico per la capacità di intervenire in maniera sostenibile nella realizzazione di un edificio pubblico caratterizzato da alti livelli di qualità e di comfort. 

Si tratta di una palestra scolastica concepita come spazio da condividere tra gli alunni di più classi che ne possono usufruire contemporaneamente. 

Il progetto si inserisce nell'area scolastica della città e si compone di una serie di volumi variabili per altezza e profondità raccolti intorno ad una corte interna. La facciata esternamente è chiusa e senza apertura, mentre all'interno la sequenza degli spazi si rivolge verso la corte grazie a facciate interamente vetrate.

Nell'edificio sono presenti tre zone attrezzate che permettono l'arrampicata.

La struttura portante è stata realizzata con calcestruzzo bocciardato composto da inerti naturali locali di origine calcarea. 

È stata prestata particolare attenzione al benessere ambientale, all'acustica degli spazi e all'illuminazione, assicurata da un impianto a LED. 

Risanamento Scuola professionale di economia domestica Frankenberg (Tesimo) - Arch. Michael Tribus

Del progetto di risanamento della scuola professionale di economia domestica Frankenberg è stata apprezzata l'attenzione alla qualità architettonica e costruttiva che ha donato alla collettività uno spazio pubblico caratterizzato da elevati livelli di comfort e da consumi contenuti.

La costruzione originale del convitto della Scuola risale al 1971. Il risanamento effettuato è stato attento ed efficace, capace di conservare la pregevole qualità architettonica dell'edificio esistente.

Elementi moderni e arretrati si alternano a terrazzamenti che seguono l'andamento del terreno. Il design evidenzia superfici chiare e luminose, in contrasto con i volumi degli ampliamenti di stanze e aule, realizzati in legno con rivestimento in lamiera scura.

La progettazione degli impianti ha seguito il principio del massimo contenimento energetico ed economico. 

 

Agriturismo B&B Casa Riga (Comano) - Stefania Saracino e Franco Tagliabue Architetti

Il premio assegnato a Casa Riga è legato alla capacità di coniugare lo spazio ricettivo e l'abitazione, unendo architettura e natura attraverso un manufatto dai notevoli livelli di efficienza energetica.

Il progetto è caratterizzato da una forte attenzione rispetto al paesaggio, che ha portato alla realizzazione di un edificio parzialmente ipogeo. L'abitazione e l'agriturismo confluiscono in un'unica struttura caratterizzata da una serie di camere esposte a sud con pareti vetrate capaci di sfruttare l'irraggiamento solare e di regalare l'impareggiabile vista sul bosco.

Gli ambienti ipogei sono illuminati da una serie di patii che si aprono sulla superficie del prato.

La struttura è realizzata interamente in legno con pannelli portanti in x-lam lasciati a vista all'interno. Le pareti vetrate sono realizzate con facciate strutturali in legno con doppia o tripla vetrocamera e protetti dall'aggetto della copertura che garantisce un opportuno irraggiamento.

L'edificio sfrutta i sistemi di accumulo passivi e i principi della geotermia. 

Risanamento Villa Castelli (Bellano) -  Arch. Valentina Carì

Villa Castelli, dimora storica del 1830 costruita sul Lago di Como, è stata apprezzata dalla giuria come esempio di risanamento all'insegna di soluzioni energeticamente compatibili in un contesto vincolato. Gli interventi effettuati hanno puntato all'integrazione e alla reinterpretazione, come è avvenuto per la copertura, dove la preesistente struttura con coppi è stata sostituita con una lamiera su cui è stato installato un impianto di celle fotovoltaiche policristalline.

La villa è stata sottoposta a interventi atti a risolvere il problema dell'umidità di risalita, favorendo il recupero conservativo degli elementi decorativi della facciata.

Dal punto di vista impiantistico, la costruzione sfrutta una pompa di calore geotermica, il sistema fotovoltaico e l'impianto microeolico. 

Premio del Pubblico CasaClima Awards 2016

Risanamento Casa Verona (Verona) -  Arch. Michele Perlini

Il "Premio del Pubblico" è stato attribuito, attraverso un sondaggio online, al progetto di risanamento di una casa nel centro storico di Verona, effettuato secondo il protocollo R. 

Oggetto dei lavori è stato l'attico interno al palazzo risalente al XIII secolo e residenza di celebri famiglie veronesi. 

L'appartamento ha due terrazze panoramiche che si aprono sulla città e si estende per 360 metri quadri.

La progettazione degli spazi interni ha permesso di creare un accesso privato verso la torretta originale, uno dei punti più alti di Verona. 

Per via del carattere storico dell'edificio, la coibentazione delle pareti è stata effettuata internamente. Gli impianti sono alimentati da pompe di calore aria - acqua, mentre una caldaia a condensazione provvede a soddisfare i picchi di richiesta. 

Premio "fuori concorso": Messner Mountain Museum

A conclusione della cerimonia di premiazione è stato assegnato un riconoscimento "fuori concorso" al Messner Mountain Museum, situato a 2275 metri di altezza sul Plan de Corones.

La consegna è avvenuta per mano del Direttore dell'Agenzia CasaClima Santa ai committenti dell'opera. 

L'edificio è stato spiegato dallo stesso Reinhold Messner, che ha esposto le ragioni della creazione di questo museo dell'alpinismo voluto proprio là dove si fondono tre culture: quella italiana, quella tedesca e quella ladina.

Risorse esterne

maggiori informazioni sul premio e sugli altri progetti in gara sul sito internet www.casaclima-awards.it

 

pubblicato in data: