Dl Semplificazioni bis: per le ristrutturazioni di hotel in arrivo l'autorizzazione unica

La novità in un emendamento al Dl 77 del 2021, approvato alla Camera

pubblicato il: - di Mariagrazia Barletta

Un'autorizzazione unica rilasciata dalla regione (o dalla provincia autonoma) per la costruzione o la ristrutturazione di strutture ricettive, che racchiude tutti gli atti di assenso, lasciando fuori solo gli adempimenti di prevenzione incendi. A prevedere un nuovo iter per la costruzione, per gli interventi di modifica, potenziamento o rifacimento totale o parziale delle strutture ricettive è un emendamento al Dl Semplificazioni bis (Dl 77 del 2021), approvato dalle Commissione riunite Affari costituzionali e Ambiente alla Camera.

L'obiettivo è dar vita ad un procedimento unico al quale partecipano tutte le amministrazioni interessate, che si conclude con decisione adottata in sede di conferenza di servizi, all'esito della quale viene rilasciata l'autorizzazione unica che costituisce titolo valido ai fini della realizzazione dell'opera o dell'intervento e sostituisce ogni altro atto di assenso comunque denominato.

IL TESTO DELL'EMENDAMENTO APPROVATO

Resta escluso dal procedimento unico l'iter da attivare al comando provinciale dei Vigili del Fuoco e dunque tutti gli adempimenti richiesti per la Scia antincendio e per la valutazione dei progetti. Iter che, va ricordato, vale per le attività cosiddette soggette a controllo (elencate all'allegato I al Dpr 151 del 2011), tra queste vi rientrano gli alberghi con più di 25 posti letto (obbligati anche alla valutazione del progetto qualora abbiano più di 50 posti letto).

Saranno poi le regioni e le province autonome di Trento e Bolzano a definire gli interventi da assoggettare ad autorizzazione unica, specificando le modalità e i tempi del procedimento unico. Il tutto, ovviamente, nel rispetto delle disposizioni del Codice dei beni culturali (Dlgs 42 del 2004). Il testo dell'emendamento non prevede, però, un termine entro cui le regioni e le provincie autonome dovranno stabilire i contorni della nuova disposizione.

La discussione in Aula del Ddl di conversione del Dl Semplificazioni bis è attesa per mercoledì 21 luglio. Seguirà una breve "sosta" in Senato (il Dl va convertito antro il 30 luglio).