In un territorio, un tempo caratterizzato dalla produzione della seta e dalla coltivazione gelso, lo studio a25architetti ha recentemente ristrutturato e valorizzato un piccolo fabbricato agricolo trasformandolo in un   luogo intimo dove accogliere i passanti. I terreni ora sono impiegati per altre attività e di alberi di gelso ne sono rimasti solo pochi esemplari, uno si trova proprio di fronte all'architettura rurale.

Il progetto nasce dall'esigenza del proprietario, un ex operaio della Garelli ora in pensione, di avere una parte del deposito/fienile al piano superiore, e uno spazio più conviviale, oltre che di ricovero attrezzi, al piano terra, con accesso diretto al sentiero posto dinanzi.

Varcata la soglia, lo spazio ristrutturato appare come un piccolo rifugio, francescanamente arredato con poche sedie e un tavolo, e una sola finestra a incorniciare il paesaggio. Il piano superiore è stato interamente adibito a deposito per l'attrezzatura agricola e per le piccole "balle di fieno" già essiccate.

L'edificio si caratterizza per una semplice struttura in cemento "magro", ripulita nella parte sottostante, mentre, nella parte sovrastante, a sostituzione dei tamponamenti precari, è stato realizzato un nuovo paramento murario con mattoni di cemento.

I materiali sono lasciati grezzi, nella loro semplicità e autenticità.

La struttura in cemento "magro" è stata solo ripulita, mentre, le tamponature realizzate nel tempo con materiali di risulta, sono stati sostituiti con mattoni di cemento, reinterpretando in chiave contemporanea gli antichi paramenti murari dei grigliati a croce utilizzati nelle vecchie cascine e nei vecchi fienili.

A questi si aggiungono il legno di abete per il tetto, coppi in laterizio e lamiera grezza per i canali e i pluviali.

La porta esistente, in lamiera, è stata verniciata in color ottone, recuperata come simbolo del legame affettivo e della storia racchiusa nelle quattro mura.

foto: © Marcello Mariana

a25architetti è lo studio di architettura dei fratelli Francesco (classe 1987) e Paolo Manzoni (1982), fondato nel 2018 a Sirtori, comune della provincia di Lecco.
Nel 2019, sono stati selezionati insieme ad altri cinque studi di architettura italiani per rappresentare la nazione col progetto "Padiglione agricolo Bressanella" all'International architectural Piranesi Award 2019. Nel 2020, vincono il BigSEE Architecture Awards per la categoria Public and commercial architecture. Nel 2021, con il progetto il Rifugio del gelso si aggiudicano il premio Giovane Talento dell'Architettura.

foto: © Marcello Mariana

© RIPRODUZIONE RISERVATA

vedi anche...