L'Agenzia del Demanio lancia il bando per il riuso e la concessione di 22 beni

Le offerte (con progetto di riuso) vanno presentate entro le ore 12.00 del 19 maggio 2022

pubblicato il:

Ville storiche, una ex dogana, una casa cantoniera, ma anche una ex chiesa con giardino a Mantova, il Teatro Rossi a Pisa e Villa Carducci Pandolfini a Firenze. Sono in tutto 22 i beni pubblici che l'Agenzia del Demanio affida in concessione, per un massimo di 50 anni, a privati in grado di farsi carico della loro valorizzazione e buona gestione. Per partecipare al bando occorre, tra l'altro, presentare un progetto di riuso e recupero.

Le proposta dovranno rappresentare le nuove funzioni e le modalità di intervento previste, a seconda della natura del bene, della presenza o meno di un vincolo e del grado di tutela. Per partecipare al bando è fondamentale prevedere le azioni da intraprendere ai fini della tutela e della conservazione del carattere storico, artistico, identitario e dell'autenticità del bene. I progetti devono inoltre garantire l'integrazione con il sistema territoriale, ambientale, paesaggistico e con la storia, la cultura, l'identità locale e il tessuto socio-economico.

Si tratta di immobili distribuiti su tutto il territorio nazionale che rappresentano un ventaglio variegato di tipologie del patrimonio immobiliare pubblico di valore storico e identitario, tutti strettamente legati ai contesti paesaggistici e urbani, al tessuto socio culturale e alle comunità locali di riferimento.

I bandi sono pubblicati nella sezione "Gare e aste" del sito www.agenziademanio.it , c'è tempo fino alle ore 12.00 del 19 maggio 2022 per presentare l'offerta. Oltre ai bandi è possibile visionare tutta la documentazione a supporto sia in italiano che in inglese: una guida ai bandi di concessione/locazione di valorizzazione, una guida al piano economico e finanziario, una sintesi del bando e tutte le schede di presentazione dei beni.

I 22 beni

Friuli Venezia Giulia
• Ex Deposito Munizioni Monte di Mezzo a Sagrado (GO)
• Ex Casermetta difensiva di Monte Croce Carnico a Paluzza (UD)

Veneto
• Ex Casello Roccolo a Pieve di Cadore (BL)
• Ex Casello Ronchi a Pieve di Cadore (BL)
• Stazione Sottocastello a Pieve di Cadore (BL)
• Casello Bacucco sul Po ad Ariano nel Polesine (RO)

Lombardia
• Ex Chiesa di San Cristoforo, alloggio indipendente e giardino a Mantova
• Unità immobiliare di Via Stenico a Cremona

Liguria
• Villa Lieta già Boyd con parco e pertinenze a Sanremo (IM)

Toscana
• Teatro Rossi a Pisa
• Villa Carducci Pandolfini a Firenze

Marche
• Faro del Cardeto ad Ancona
• Casa con Giardino adibita a Dogana a Grottammare (AP)

Lazio
• Ex Dogana Torre di Badino a Terracina (LT)

Campania
• Bastione Sperone a Capua (CE)
• Gran Maestrato di San Lazzaro a Capua (CE)

Basilicata
• Casa cantoniera della ferrovia Appulo-Lucana a Irsina (MT)

Calabria
• Palazzo dei Principi Lanza di Trabia a San Nicola Arcella (CS)

Sicilia
• Ex Caserma Calderi di Ortigia a Siracusa (SR)
• Real Casa dei Matti a Palermo
• Carcere di San Vito ad Agrigento
• Casello Ferroviario Villa Margi a Reitano (ME)

Queste nuove opportunità di riuso e rigenerazione di immobili dello Stato sono inserite nell'ambito del progetto Valore Paese Italia, il programma promosso dall'Agenzia del Demanio, dal MiC, da ENIT e da Difesa Servizi SpA, in stretta collaborazione con altri Ministeri e partner istituzionali coinvolti. Un filone sviluppato in coerenza al Piano Strategico del Turismo 2017-2022, con l'obiettivo di riunire, sotto un unico brand, le reti tematiche associate dall'obiettivo comune della valorizzazione del patrimonio pubblico di immobili di interesse culturale e paesaggistico, favorendo nuove attività legate al turismo sostenibile, alla cultura, allo sport, alla formazione, alla mobilità dolce e alla tutela dell'ambiente, attraverso il ricorso a strumenti di partenariato pubblico-privato.