Concorso per 220 tecnici dell'edilizia al ministero della Giustizia

Candidature entro le ore 14,00 del 28 aprile 2022. Unica prova scritta con test a risposta multipla

pubblicato il:

Sono stati pubblicati in Gazzetta Ufficiale i due bandi di concorso, previsti dal Pnrr, relativi all'assunzione di 5410 unità di personale tecnico amministrativo per il ministero della Giustizia.

La procedura concorsuale straordinaria, indetta dalla Commissione Interministeriale Ripam su base distrettuale per titoli e prova scritta, è finalizzata all'assunzione a tempo determinato (per la durata massima di 36 mesi) di personale amministrativo destinato agli uffici giudiziari.

Tra i profili ricercati vi sono anche 150 tecnici senior e 70 tecnici junior per l'edilizia. 220 posti cui possono accedere i laureati in architettura.

La registrazione, la compilazione e l'invio on-line della domanda devono essere completati entro le ore 14,00 del 28 aprile 2022.

Procedura concorsuale

Una prima scrematura delle domande avviene per titoli. Per ciascun profilo, accede alla prova scritta un numero di candidati pari a 20 volte i posti messi a concorso (oltre eventuali ex aequo). La prova scritta consiste in un test di 40 quesiti a risposta multipla da risolvere nell'arco di 60 minuti.

Profili senior
(area terza, fascia economica F1)

Per l'accesso al concorso sono indicati diversi titoli di laurea, tra questi la laurea in Scienze dell'architettura e in Architettura (vecchio ordinamento), le lauree specialistiche in  Architettura del paesaggio e Architettura e ingegneria edile, nonché le lauree magistrali in Architettura del paesaggio e Architettura e ingegneria edile-architettura.

Quanto alla valutazione dei titoli, il voto di laurea vale fino a sei punti, questi sono raddoppiati se la laurea è stata conseguita da non oltre sette anni. Il bando attribuisce un punteggio aggiuntivo di 5 punti nel caso si posseggano altri titoli universitari in ambiti attinenti al profilo per cui è stata presentata domanda. L'abilitazione alla professione di architetto (anche junior) vale ulteriori 3 punti. Per la valutazione dei titoli possono essere attribuiti sino a un massimo di 15 punti.

» BANDO

Profili junior
(area seconda, fascia economica F2)

Nel caso dei profili junior, come titolo di accesso è indicato il diploma di Istituto tecnico del settore tecnologico - Indirizzo costruzioni, ambiente e territorio o diplomi equipollenti, ma la laurea in architettura è considerata titolo superiore assorbente. Sono validi: il diploma di laurea in Scienze dell'Architettura, le lauree specialistiche in  Architettura del paesaggio e Architettura e ingegneria edile, le lauree magistrali in Architettura del paesaggio e Architettura e ingegneria edile-architettura e la laurea in Architettura del vecchio ordinamento.

Quanto ai titoli, il voto di laurea può valere fino a sei punti (corrispondenti al 110 e lode). Il punteggio attribuito al voto è raddoppiato se la laurea è stata conseguita da non oltre sette anni. Le abilitazioni alle professioni di geometra e di architetto (anche junior) valgono tre punti. Ai titoli possono essere attribuiti massimo 15 punti.

» BANDO

Domanda di partecipazione

Per la partecipazione al concorso deve essere effettuato, a pena di esclusione, il versamento della quota di partecipazione di 10,00 euro sulla base delle indicazioni riportate nel sistema «Step-one 19» (https://ripam.cloud) di Formez Pa.

l candidato dovrà inviare la domanda di ammissione al concorso esclusivamente per via telematica, attraverso il Sistema pubblico di identità digitale (Spid), compilando il modulo elettronico sul sistema «Step-one 2019». Per la partecipazione bisogna essere in possesso di un indirizzo di Posta elettronica certificata (Pec). .

© RIPRODUZIONE RISERVATA