Classamento degli immobili di interesse culturale

pubblicato il:

Il vincolo storico-artistico degli immobili può essere annotato negli atti del catasto.

Con la circolare n. 5/2012 della Direzione centrale Catasto e cartografia l’Agenzia del Territorio ha chiarito che il riconoscimento dell’interesse culturale di un immobile e il conseguente regime vincolistico non influisce sul classamento del bene.

La categoria catastale va infatti attribuita tenendo conto della destinazione di ciascuna unità immobiliare, sulla base delle sue caratteristiche specifiche e del contesto territoriale e urbanistico in cui è inserita.

Tuttavia, tenuto conto delle implicazioni tributarie che comporta il riconoscimento del carattere di “bene culturale”, i proprietari possono chiedere che il vincolo risulti anche in catasto, oltre che nei registri immobiliari, presentando una apposita domanda di annotazione.


Circolare n. 5 del 9 ottobre 2012 – pdf

progettare e costruire