“Non puoi vivere da due parti, dalla parte della realtà e dalla parte del sogno, così ti vengono le allucinazioni.”  [Antonio Tabucchi, Requiem]

Lisbona è come un’allucinazione.

È facile comprendere questa sensazione vagando per le sue strade strette di notte o quando il sole è a picco.

Spesso, lontani dalle orde di turisti, ci si trova in luoghi nostalgici e solitari. I suoi cittadini guardano al passato in cerca di risposte e si interrogano costantemente sul futuro. Attorno a loro la città si evolve e l’architettura si modifica.

La luce stessa disegna ogni ora sugli edifici immagini diverse. Lisbona è un miraggio, un racconto continuo nel quale i ricordi si mescolano con la realtà.

di Marco Lumini

Mosteiro dos Jerónimos | © Marco Lumini (1502)

EXPO ’98 area and Pavilhão de Portugal (1998) – Alvaro Siza Vieira | © Marco Lumini

EXPO ’98 | © Marco Lumini

Bairro da Graça | © Marco Lumini

Champalimaud Centre for the Unknown (2004) – Charles Correa Associates | © Marco Lumini

Lisbon cruise terminal (2018) – João Luís Carrilho da Graça | © Marco Lumini

Ponte 25 de Abril from MAAT Museum (2016) – AL_A | © Marco Lumini

Centro Cultural de Belém (1988-1993) – Vittorio Gregotti + Manuel Salgado

Museu dos Coches (2015) – Paulo Mendes da Rocha + MMBB Arquitetos + Bak Gordon Arquitectos  | © Marco Lumini

Cais do Sodré | © Marco Lumini

Bairro da Graça | © Marco Lumini

Bairro da Mouraria | © Marco Lumini

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lisbona Marco Lumini Viaggiare per immagini