Software libero – Sistemi operativi e software di base

Lo sanno tutti che esiste Linux, un sistema operativo alternativo a Windows e al vecchio Mac OS. L’idea diffusa è che sia un sistema “complicato”, per programmatori o gente fissata, e forse è anche vero.

Non tutti sanno, però, che esistono comunità di persone (es. Kubuntu) che in questi anni ha lavorato per renderlo sempre più user-friendly, con un’interfaccia gradevole e divertente, come quella di sistemi operativi più blasonati.

Non tutti sanno che nel costo di un computer, è (era) sempre compreso il costo del sistema operativo. Oggi possiamo decidere di NON acquistare Windows insieme alla macchina (qualche centinaio di euro in meno) e optare per un sistema basato su Linux.

Esistono configurazioni già pronte con tutto quel che serve: posta elettronica, navigazione sul Web, compressione dati, fotoritocco, word processor, foglio di calcolo, presentazioni, grafica ecc. Perfettamente compatibile con i dati di altri computer Windows o Mac di una stessa rete. A proposito, l’ultimo sistema operativo Mac (OS X) è un Linux travestito.

Si scaricano dal Web, si copiano su un CD e si installano sulle macchine. Ce ne sono per tutti i gusti, in versione server o client, per computer più recenti e performanti ma anche per vecchi computer lenti e con poco spazio disco.

Gli stessi software di base che compongono queste configurazioni, sono disponibili per tutte le piattaforme, Linux, Windows e Mac (OS X). In particolare segnaliamo Mozilla Firefox per la navigazione web e Mozilla Thunderbird per la gestione della posta elettronica. Due software open source che hanno un vantaggio notevole rispetto alla coppia Internet Explorer + Outlook Express, non solo in termini di possibilità di espansione e personalizzazione,o di facilità d’uso (dopo un periodo di acclimatamento), ma soprattutto in termini di vulnerabilità a virus e spam.

Se si è passati da percentuali bulgare di utilizzo di Internet Explorer in Rete, a quelle di oggi, un motivo c’è ed è merito della comunità di liberi sviluppatori di Firefox.

di Barbara Dell’Oro e L.M.C.


Vedi anche

pubblicato in data: 17/07/2010

,