Sassari, restauro e riconversione funzionale dell'ex centrale elettrica

concorso di progettazione - procedura aperta - due gradi

pubblicato il:

Consegna prima fase 16 marzo 2022

Il Comune di Sassari ha bandito un concorso di progettazione per il restauro e la riconversione funzionale di un edificio di archeologia industriale, costruito a ridosso del centro storico per ospitare originariamente una centrale elettrica, e per la sistemazione di un'area esterna di pertinenza.

L'intervento di recupero del fabbricato anche se rientra tra i lotti funzionali definiti dall'amministrazione comunale per dotare la città di un vero e proprio centro Intermodale e rigenerare un'importante porzione del centro abitato, si presenta funzionalmente autonomo e si può considerare come uno spazio pluriuso aggiuntivo a quelli previsti nei lotti:

  • 1 | Parcheggio via XXV aprile con sovrastante piazza
  • 2 | Autostazione per trasporto pubblico su area ex RFI
  • 3 | Interventi sulla viabilità a supporto del centro intermodale

Per questo motivo e a garanzia di un'elevata flessibilità funzionale dell'insieme, il bando delinea solo le destinazioni d'uso, senza darne una definizione compiuta.

La proposta progettuale dovrà garantire:

  • la conservazione del manufatto, attraverso la conoscenza e la selezione critica dei caratteri originari, dei materiali, dei sistemi costruttivi impiegati, a testimonianza della civiltà industriale,
  • la rifunzionalizzazione dell'edificio con sala d'aspetto, bar e uffici. Per questi spazi si dovranno indicare altre destinazioni d'uso - anche diverse da quelle previste dalle norme urbanistiche vigenti - possibilmente differenziate per contrastare la monofunzionalità, al fine di dar luogo ad un complesso attivo e vissuto nell'arco di tutto il giorno e di tutto l'anno.

Per quanto riguarda l'area esterna, oltre alla connessione con il tessuto urbano esistente, il progetto dovrà prevedere il completamento dei lavori di bonifica ambientale. La sistemazione esterna dovrà caratterizzarsi per un uso polivalente, sarà principalmente destinata ad attività ricreative, aggregative e sportive, senza escludere una parziale sistemazione come verde attrezzato.

Il costo stimato per la realizzazione dell'opera, riferito ai soli lavori e comprensivo degli oneri della sicurezza, è di 3.200.000 euro.

Per il concorso è stata adottata una procedura aperta, articolata in due gradi di progettazione.

Nella prima fase i partecipanti dovranno presentare una proposta ideativa che, nel rispetto dei costi, consenta alla commissione giudicatrice di scegliere le migliori 5 proposte che accederanno alla seconda fase, sulla base dei seguenti criteri:

  • aspetti compositivi, di inserimento nel contesto e di sua valorizzazione | fino a 40 punti
  • aspetti funzionali e organizzazione degli spazi | fino a 25 punti
  • area pertinenziale esterna - inserimento nel contesto e valorizzazione | fino a 20 punti
  • area pertinenziale esterna - aspetti funzionali e organizzazione degli spazi | fino a 15 punti

Premi

  • 1° classificato: 24.864,09 euro (come anticipo per la realizzazione del progetto di fattibilità tecnica ed economica del valore totale di 82.880,26 euro)
  • 2° - 5 ° classificato: 8.288,02 euro

Bando e documentazione
[ concorsiawn.it ]