La nuova immagine per la sanità lombarda: la declinazione del cubo per le Case e gli Ospedali di Comunità

concorso di idee | ATS Città Metropolitana di Milano

pubblicato il:

Consegna entro il 1 luglio 2022

ATS Città Metropolitana di Milano ha bandito un concorso di idee per lo sviluppo di un concept per i suoi nuovi presidi sanitari - caratterizzati in modo originale e riconoscibile - da realizzare nel territorio della Lombardia. Le strutture dovranno essere caratterizzate in modo originale e riconoscibile.

L'obiettivo è di assicurare ai cittadini - con strutture diffuse rinominate Case di Comunità e Ospedali di Comunità - la vicinanza di un insieme di funzioni rivolte a garantire la prevenzione medica, la diagnostica e la cura extraospedaliera.

Il modello di riferimento auspicato dall'ATS milanese per queste strutture è quello del "CUBO", un volume semplice che, richiamando l'architettura contemporanea, possa garantire un'adeguata organizzazione interna degli spazi, consentendo il progetto in termini modulari a seconda delle funzioni da inserire e l'incremento della riconoscibilità esterna delle strutture.

Ai partecipanti si richiede di sviluppare una proposta ideativa che declini il modello del "cubo" in architetture iconiche e riconoscibili seguendo i principi di: riconoscibilità estetica • conservazione del modello tipologico del "cubo"buona attitudine all'inserimento nei vari contesti morfologici di Regione Lombardia (urbano, montano, di pianura e lacustre)sistemazione delle aree esterne adiacentiridotti costi di manutenzionedefinizione preliminare dei materialirispetto dei requisiti di compatibilità ambientale e di risparmio energetico.

La proposta si deve riferire solo ed esclusivamente ad interventi di nuova edificazione. Sono esclusi gli arredi interni, la segnaletica e il logo.

Cosa sono le Case di Comunità e gli Ospedali di Comunità?

Le CASE DI COMUNITÀ rappresentano il modello organizzativo e di servizio che rende concreta l'assistenza di prossimità per le popolazioni di riferimento e per l'attivazione di logiche e processi di medicina di iniziativa.

Saranno presenti team multidisciplinari di medici di medicina generale, pediatri di libera scelta, medici specialisti, infermieri di comunità e altri professionisti non solo afferenti al sistema sociosanitario ma anche al sistema sociale.

Le funzioni sono riconducibili a 4 macro aree integrate: - Area dei servizi amministrativi; - Area dell'assistenza primaria; - Area della specialistica ambulatoriale e della diagnostica di base; - Area della fragilità e dell'integrazione con i servizi sociali e con la comunità.

Gli OSPEDALI DI COMUNITÀ sono invece strutture sanitarie dedicate al ricovero breve, destinate prevalentemente a pazienti che necessitano di interventi sanitari a bassa intensità clinica, dotate di 20-40 posti letto a gestione prevalentemente infermieristica e rivolte facilitare la transizione dei pazienti dalle strutture ospedaliere per acuti al proprio domicilio; il tutto nell'ottica di contenere l'accesso improprio ai presidi ospedalieri di secondo livello.

Modalità di partecipazione

La partecipazione al concorso è gratuita e anonima.

Elaborati grafici richiesti

Sono richieste 3 tavole in formato A2 così suddivise e contenenti:

  • TAVOLA 1: viste del modello 3D da varie angolature astratto dal contesto al • almeno due immagini foto realistiche inserite in un ipotetico contesto a scelta del candidato • illustrazione dei materiali proposti
  • TAVOLA 2: schemi planimetrici di tutti i piani con indicazione delle funzioni, prospetti significativi dell'edificio e almeno una sezione in scala 1:200.
  • TAVOLA 3: schemi esemplificativi delle scelte progettuali • strategie di inserimento nei vari contesti morfologici regionali • elementi esplicativi delle caratteristiche di manutenibilità, sostenibilità e della scelta dei materiali
  • + una relazione descrittiva dell'idea progettuale e delle scelte attuate, con particolare attenzione agli aspetti manutenibilità dell'immobile in tutte le sue parti, sostenibilità ambientale del manufatto e scelta dei materiali

Criteri di valutazione

La commissione valuterà le proposte pervenute sulla base dei seguenti criteri:

  • creatività e originalità | fino a 20 punti
  • qualità architettonica della soluzione proposta | fino a 40 punti
  • realizzabilità ed esaustività della proposta | fino a 20punti
  • sostenibilità economica e gestionale | fino a 20punti

Premio

Il vincitore riceverà un premio in denaro di 20.000 euro.
In caso di di graduatoria finale ex aequo il premio verrà suddiviso in parti uguali tra i vincitori.

ATS Milano si riserva di affidare al vincitore l'incarico professionale per lo sviluppo ulteriore del prototipo di "cubo" in coerenza con l'idea presentata.

Bando e documentazione
[ ats-milano.it ]