Move | Raimond Wouda

workshop di fotografia

Venezia, 3 - 5 maggio 2013

Presso A + A Centro Espositivo Sloveno, spazio espositivo nato con l'intento di promuovere l'arte contemporanea slovena ed internazionale, si terrà  Move - research on contemporary Venice, workshop di fotografia tenuto dal fotografo olandese Raimond Wouda

Il laboratorio è organizzato da Giorgia Sarra, tramite l'Associazione Culturale HAT Studio e da Gianpaolo Arena, editore di Landscape Stories, un magazine online dedicato alla fotografia contemporanea.

Il progetto

Il tema è la mobilità meccanica in una città particolare come Venezia. Treni, imponenti navi da crociera, vaporetti, tram su rotaia, la presenza liminale delle automobili attraversano le connessioni fra le reti di terra e le reti d'acqua. Lavoratori pendolari e passeggeri occasionali, cittadini atipici e turisti distratti si muovono e vivono i luoghi degli spostamenti e dei flussi di persone.

Il contrasto tra naturale e artificiale, gli effetti dovuti alla mobilità veloce e alle condizioni percettive che li contraddistinguono, i problemi della coesione dei tessuti urbani, lo spopolamento della città, il fascino della progettazione di grandi infrastrutture, gli allestimenti mobili legati alla pubblicità e al commercio, fino alle più complesse macchine sceniche itineranti sono alcuni temi potenziali da approfondire.

Obiettivi e organizzazione

Il workshop si propone di fornire ai partecipanti gli strumenti metodologici e concettuali necessari per la creazione e la realizzazione di un progetto fotografico. Una parte fondamentale sarà dedicata agli aspetti più importanti della ricerca e della professione come l'auto produzione di un portfolio: la fase di ideazione, strutturazione e sviluppo dell'impianto narrativo, la cura dell'editing.

I partecipanti svilupperanno il loro progetto in linea con le tematiche del laboratorio. ll programma è articolato in 3 giornate nelle quali gli iscritti avranno la possibilità di relazionarsi costantemente con Raimond Wouda fino alla composizione di una sequenza fotografica. L'obiettivo è costituire un corpo di lavoro unitario in cui le visioni dei singoli, diverse per concetti, soggetti, stile e tecniche, diventano lo strumento preferenziale per realizzare un approfondimento tematico.

La campagna fotografica può essere affrontata sia utilizzando fotocamere analogiche che digitali. Una selezione delle immagini di ogni singolo iscritto verrà pubblicata in una sezione dedicata all'interno del magazine di fotografia contemporanea Landscape Stories.

Programma | Program

Quota di partecipazione: 250,00 euro. I posti sono limitati (massimo 20 persone).

Le domande di partecipazione devono essere inviate entro il 6 aprile all'indirizzo email: landscape.stories.workshop@gmail.com

Appuntamento: da venerdì 3 a domenica 5 maggio 2013
presso A + A Centro Espositivo Sloveno (www.aplusa.it), San Marco 3073, Venezia.


Raimond Wouda (1964)

è un fotografo olandese che insegna fotografia documentaria alla Royal Academy of Arts de L'Aia (KABK). Ha lavorato su diversi progetti a lungo termine, che rivelano una forte attenzione al fattore umano e alle sue forme di aggregazione e di ricerca identitaria. Wouda con istinto e consapevolezza riesce a descrivere e raccontare straordinariamente la quotidianità.

Con School, ha indagato a lungo i temi dell'adolescenza: riferito al mondo degli studenti delle scuole secondarie olandesi, il progetto è inziato nei Paesi Bassi e si sta ora estendendo agli altri paesi della comunità europea. Altri suoi progetti fotografici includono Tuindorp Oostzaan, il suo lavoro più personale e autobiografico sull'ultimo quartiere operaio rimasto ad Amsterdam, e Audience, la prima serie che approfondisce le tematiche delle comunità sociali e delle aggregazioni umane.

Gli scatti di Wouda sono entrati a far parte di numerose collezioni pubbliche e private ed esposti in musei e photo festivals internazionali: Photofestival Arles, Lewis Glucksmann Gallery di Cork, Musee de L'Elysée di Losanna, e Foam Amsterdam.

web www.raimondwouda.com

pubblicato in data: