Project bond operativi con la pubblicazione del decreto

Il project bond diventa operativo con la definizione delle modalità di garanzia. A completare le regole dello strumento finanziario è il decreto Interministeriale messo a punto dal Ministero dell'economia e delle finanze di concerto con il Ministero delle Infrastrutture e trasporti. Sono fissate le modalità di garanzia delle obbligazioni e dei titoli di debito emessi dalle società di progetto, con lo scopo di assicurare la trasparenza delle operazioni e la tutela dei sottoscrittori.

Cosa sono i project bond?

Si tratta di obbligazioni o titoli di debito emessi dalle società di progetto che realizzano un'infrastruttura attraverso project financing. Lo scopo, per la società di progetto, è finanziare l'opera attraendo partner investitori, per il Governo, che ha attivato il particolare strumento finanziario, è dare nuovo impulso al settore.

L'emissione di obbligazioni da parte delle società di progetto era già prevista dal Codice degli Appalti (art. 157), ma non era mai entrata in vigore per mancanza di un decreto attuativo. La stessa possibilità è stata prevista con il Decreto Cresci Italia, che ha introdotto i project bond, resi poi appetibili con il Decreto Sviluppo che per essi ha previsto un trattamento fiscale agevolato, comparabile a quello dei titoli di stato.

Con quest'ultimo decreto viene completato il quadro e lo strumento diventa operativo. Innanzitutto si definiscono i soggetti: solo gli investitori qualificati possono sottoscrivere le obbligazioni, mentre le garanzie possono essere prestate dalle banche italiane e comunitarie, da intermediari finanziari, dalle imprese di assicurazione autorizzate, dalla Cassa Depositi e Prestiti, dalla SACE e dalla BEI.

Le garanzie e le modalità operative

La novità sostanziale è che l'emissione delle obbligazioni servirà anche per rifinanziare il debito che le società hanno contratto precedentemente alla realizzazione dell'opera. Altra novità è che le garanzie possono essere rilasciate per una durata corrispondente al periodo di costruzione e di avvio della gestione della infrastruttura, sino alla scadenza dei project bond garantiti. Quanto alle garanzie sulle obbligazioni ed i titoli di debito emessi per il rifinanziamento del debito, queste possono essere rilasciate anche nel periodo successivo all'avvio della gestione della infrastruttura.

Le garanzie sono rilasciate in base alla valutazione dell'opera. Si terrà conto del credito del soggetto emittente e della sostenibilità economico finanziaria degli investimenti «tenendo conto della redditività potenziale dell'opera, anche sulla base del relativo piano economico finanziario».

di Mariagrazia Barletta architetto

Per approfondire

pubblicato in data: