arcVision Prize - Women and Architecture

Si è conclusa il 7 marzo, a ventiquattro ore dalla Giornata mondiale della Donna, la procedura di selezione per assegnare l'arcVision Prize, lanciato quest'anno dal Gruppo Italcementi sull'onda di una "nuova 'discriminazione' positiva..." che mira a  "evidenziare la figura delle progettiste in grado di contribuire con  autentiche nuove qualità al contesto economico, sociale e culturale dell'architettura, nella teoria e nelle soluzioni progettuali concrete" (italcementigroup.com).

La vincitrice della prima edizione è la trentasettenne Carla Juaçaba (lemoniteur.fr), brasiliana di Rio de Janeiro, laureata in Architettura e Urbanistica alla Santa Ursula University, autrice di residenze private e di edifici legati a iniziative socio-culturali (italcementigroup.com).

Nell'ambito di Rio+20 (uncsd2012.org) - conferenza delle Nazioni Unite  sullo sviluppo sostenibile (20-22 giugno 2012) - Juaçaba ha firmato il padiglione temporaneo "Humanidade 2012", "costruito attraverso l'incastro di aste e travi tubolari smontabili, comunemente adoperate come impalcatura" (arcoweb.com.br).

La scelta di componenti riutilizzabili e a basso impatto, praticata anche in opere permanenti quali la "Rio Bonito House" (2005), la "Varanda House" (2007), la "Minimum House" (2008) e la "Santa Teresa House (2012), ha accostato il suo profilo alla donna in architettura ideale prefigurata nel bando dell'arcVision Prize, una "progettista che abbia interpretato nel modo migliore il ruolo di architetto con opere significative (edifici pubblici, residenze, servizi) nel campo delle infrastrutture sociali, culturali e didattiche" (italcementigroup.com).

Carla Juaçaba, che si è aggiudicata 50.000 euro e un seminario all'i.Lab di Bergamo (italcementigroup.com), ha ricevuto il premio da una giuria internazionale di sette donne (lemoniteur.fr), tra cui Odile Decq, Sejima Kazuyo, Benedetta Tagliabue e Martha Thorne, direttore esecutivo del Pritzker Prize.

Tre menzioni d'onore (italcementigroup.com) sono andate, rispettivamente, a Izaskun Chinchilla (Spagna), Anupama Kundoo (India) e Siiri Vallner (Estonia).

arcVision Prize - Women and Architecture

Giuria (da lemoniteur.fr)

Shaikha Al Maskari, membro dello "Arab International Women's Forum"
Vera Baboun, sindaco di Betlemme
Odile Decq, architetto
Victoire de Margerie, membro anziano del consiglio di amministrazione di Ciments français
Yvonne Farrell, architetto
Samia Nkrumah, presidente del "Kwame Nkrumah Pan African Center"
Sejima Kazuyo, architetto, premio Pritzker 2010  
Benedetta Tagliabue, architetto
Martha Thorne, direttore esecutivo del Pritzker Prize

Immagini
Carla Juaçaba, Padiglione "Humanidade 2012" (da arcoweb.com.br)

pubblicato in data: - ultimo aggiornamento: