Il gruppo di Emanuele Genuizzi si aggiudica il concorso per Piazza Castello - Foro Buonaparte

La Giuria ha selezionato la migliore proposta avanzata in occasione del concorso di progettazione per dare nuovo vita all'area di Piazza Castello e Foro Buonaparte a Milano. Il progetto del team composto dagli architetti Emanuele Genuizzi, Vincenzo Strambio De Castillia, Giovanni Banal ed Enrico Ragazzo si è distinto per "equilibrio e funzionalità".

notizie di architettura

La Giuria, riunitasi per selezionare la migliore proposta avanzata in occasione del concorso internazionale di progettazione per dare nuovo vita all'area di Piazza Castello e Foro Buonaparte a Milano, ha reso noti i nomi dei vincitori.

A vincere la medaglia d'oro è stato il team composto dagli architetti Emanuele Genuizzi, Vincenzo Strambio De Castillia, Giovanni Banal ed Enrico Ragazzo, il cui progetto si è distinto per "equilibrio e funzionalità" tra quelli presentati dai 151 partecipanti e dai 61 arrivati alla seconda fase.

La Commissione ha individuato 10 finalisti, i cui elaborati saranno esposti al Castello Sforzesco fino al 21 febbraio 2017.

Piazza Castello - Foro Buonaparte / Milano

il progetto vincitore

Il progetto vincitore, presentato dagli architetti Emanuele Genuizzi, Vincenzo Strambio De Castillia, Giovanni Banal ed Enrico Ragazzo e realizzato con la collaborazione di Andrea Carloni e Roberto Taddei, ha colpito la Giuria per la sua capacità di ricucire due aree monumentali di Milano, via Dante e Piazza Castello, in maniera equilibrata ed efficace. Il team ha posto particolare attenzione alla funzionalità e all'efficienza delle scelte tecniche, concentrandosi contemporaneamente sull'identità del luogo.

L'idea si basa sull'utilizzo di molti elementi già presenti e ottiene un risultato coerente e ordinato. La riorganizzazione dello spazio proposta dagli architetti favorisce la fruibilità e la flessibilità d'uso del luogo. La Commissione, inoltre, ha evidenziato la buona fattibilità tecnica ed economica del progetto, supportata dalla facilità di manutenzione delle opere.

I vincitori hanno proposto un grande parterre alberato che si relaziona con il sistema dei viali lungo i lati del castello e sfocia in un boulevard dall'impianto ottocentesco, allungandosi idealmente fino a toccare le guglie del Duomo. Elementi di arredo semplici, materiali economici, valorizzazione del paesaggio e dell'impianto storico del centro della città sono le caratteristiche che identificano la proposta presentata dall'architetto capogruppo Emanuele Genuizzi, che immagina un nuovo assetto per Piazza Castello, via Beltrami e Largo Cairoli.

La progettazione paesaggistica, aspetto particolarmente curato dagli autori, prevede il ridisegno delle aree verdi, la piantumazione di nuovi alberi e la ridefinizione degli spazi che saranno resi più liberi e maggiormente fruibili per creare armonia e continuità con la vicina area pedonale di via Dante. Saranno ampliati ed estesi gli spazi verdi ai lati del Castello fino alle intersezioni con via Sella e via Ricasoli. Il doppio filare di aceri sarà completato e integrato con nuovi fusti, che creeranno una sorta di galleria verde prolungata fino all'interno del parco.

Una nuova pavimentazione in calcestre di tinta chiara accentuerà il carattere paesaggistico del progetto. La viabilità prevede la riduzione delle sedi stradali e il mantenimento della carreggiata tranviaria, oltre allo spostamento della continuità ciclabile su una nuova sede adiacente a quella veicolare. 

Saranno mantenuti i lampioni a due bracci, con lo spostamento di alcuni punti luce attualmente collocati in aree troppo illuminate per creare un'illuminazione più omogenea. Nuovi dispositivi luminosi seguiranno il percorso degli aceri e le piste ciclabili, così da garantire la sicurezza ai cittadini, migliorare la fruibilità dei percorsi e valorizzare al volta vegetale.

Per ulteriori informazioni sul progetto visitare la sezione dedicata ai vincitori su www.ordinearchitetti.mi.it.
- elenco completo dei finalisti su www.castellobuonaparte.concorrimi.it.

pubblicato in data: