I vincitori del Came Design Award: l'azienda trevigiana ha trovato i suoi "Guardian Angel"

L'azienda Came ha individuato i migliori progetti, elaborati da progettisti e designer under 30, pervenuti in occasione del Came Design Award dal titolo Guardian Angel, lanciato con l'intenzione di sviluppare prodotti caratterizzati da soluzioni tecnologiche innovative e capaci di intuire bisogni e di ridisegnare le frontiere dell'abitare moderno.

notizie di architettura

L'azienda trevigiana Came, che aveva lanciato il Came Design Award dal titolo Guardian Angel con l'intenzione di promuovere la cultura dell'innovazione nell'abitare, ha trovato, tra i progettisti e designer italiani under 30 partecipanti al concorso, i progetti migliori, quelli che hanno saputo ideare soluzioni tecnologiche innovative capaci di intuire i bisogni e ridisegnare le frontiere dell'abitare moderno. Gli elaborati dei vincitori si sono distinti per l'innovazione, la fruibilità e la funzionalità e hanno posto particolare attenzione alle tecnologie in grado di migliorare la qualità della vita dei soggetti più sensibili, come gli anziani, i diversamente abili o le persone soggette a terapia domestica.

Il primo premio è andato a Claudia Compagnucci e Gabriele Colasanti per il progetto Living Shower, seguito da Famulo, idea proposta da Michela Carpi. Terzi classificati sono Alessandro Panaia e Camilla Crescenzo con BiLL - Bamboo intelligent led lamp.

Sono state assegnate anche due Menzioni speciali a Eduardo D'Arienzo, per M.D.S. Mobile diabetes support e ad Alessandro Leghissa per Slim.

1° premio | Living Shower -  Claudia Compagnucci e Gabriele Colasanti

Il progetto prevede un sistema doccia pensato per le persone, che nasce dalla volontà di riprogettare le fughe tra le piastrelle, facendole diventare elementi utili ed esperienziali e capaci di venire incontro anche alle esigenze di anziani e bambini.

Nella convinzione che la tecnologia debba contribuire a migliorare la qualità della vita degli uomini, il team di progettazione ha elaborato un'idea in cui si ricerca la completa immersione della tecnologia nell'ambiente domestico. Il prodotto tecnologico non è esasperato nelle sue forme ma è, al contrario, interamente inglobato in uno spazio che normalmente non viene utilizzato o reso funzionale. Intenzione è quella di far rivivere un desiderio infantile che spinge a toccare fughe tra le piastrelle e di sfruttarlo per generare nuove interazioni tra l'utente e l'ambiente in cui vive, più precisamente lo spazio del bagno.

Il progetto punta alla trasformazione di questo spazio in un luogo più gestibile, confortevole e sicuro per qualsiasi tipo di utente, ma soprattutto per i soggetti più sensibili, come gli anziani i diversamente abili o, più semplicemente, le persone interessate a rendere l'esperienza della doccia un momento estremamente rilassante. 

Il prodotto, essendo un regolatore tecnologico di acqua e luce, va installato all'interno della doccia ed è composto da una scatola di comando contenente una scheda Arduino, ovvero una scheda elettronica di piccole dimensioni capace di controllare semplici dispositivi quali luci, temperatura e movimenti meccanici. 

Living Shower è composto dalle due croci comandi luce e acqua, che consentiranno di personalizzare la propria esperienza sensoriale interattiva, e da un sistema di moduli che si ramificherà verso le fughe creando un vera e propria scia luminosa. In questo modo, oltre ad intervenire sull'aspetto estetico e sensoriale, si aumenterà la visibilità e, di conseguenza, sicurezza all'interno del box doccia.

2° premio | Famulo - Michela Carpi

Famulo è un robot-oggetto pensato per facilitare i movimenti autonomi degli anziani, per aiutarli a svolgere alcune attività e per tenere sotto controllo la loro salute divertendosi con la tecnologia. 

Il nome "Famulo" deriva dal latino, "famiglia", e si riferisce ai famuli, protettori della casa nell'antichità. La forma, invece, è legata alla funzione deambulatrice, poichè l'intenzione è quella di permettere alla persona anziana di trovare nell'oggetto un aiuto quando si cammina.

La testa di Famulo è anche un computer portatile: si può sganciare e riagganciare con estrema semplicità, grazie a un sistema di magneti posizionato nel piatto superiore. 

Il software di Famulo è studiato appositamente per il prodotto e per aiutare gli anziani nella navigazione e nell'utilizzo delle funzioni. È previsto anche il collegamento con un'app che permetterà ai parenti di tenere sotto controllo alcune funzioni oppure di integrare il database. Sarà possibile visualizzare i risultati delle ultime analisi e ottenere altre informazioni sullo stato di salute dell'anziano, comprese le future visite mediche o i sintomi di un malessere. L'app è in grado di allertare i parenti in caso di emergenza, caduta o arresto cardiaco, semplicemente attraverso un pulsante. 

La funzione "casa" consentirà di tenere sotto controllo i consumi e gli apparecchi elettronici attivi all'interno dell'abitazione, mentre la modalità "svago" conterrà filmografia, video e foto di famiglia, oltre che giochi interessanti anche per i meno giovani.  

3° premio | BiLL - Bamboo intelligent led lamp -  Alessandro Panaia e Camilla Crescenzo

BiLL è una lampada da tavolo pensata per interagire direttamente con l'utente. Grazie alla domotica, infatti, può illuminare in maniera corretta e soddisfare ogni esigenza per qualsiasi ambiente. Grazie al sensore fotometrico, l'oggetto riesce a monitorare la luce naturale all'interno di uno spazio e, di conseguenza, a dimmerarsi automaticamente, ricreando la luce ideale per compensare i lux mancanti nell'ambiente calcolati sulla base delle normative europee vigenti.

La lampada presenta, inoltre, una ricarica wireless che consente di ottenere un'illuminazione autonoma in un periodo compreso tra le 6 e le 8 ore. Si accende e si spegne senza tasti, semplicemente passando con la mano al suo interno, e può essere gestita a distanza, tramite tecnologia Bluetooth, su smartphone.

BiLL è completamente realizzata in bamboo, elemento naturale ed ergonomico che crea il giusto equilibrio tra tecnologia e scultura e vuole rompere il rapporto dell'opera d'arte differente dalla vita reale. Si tratta di un vero e proprio prodotto interattivo, che punta alla facilità di utilizzo e al miglioramento delle condizioni vitali dell'ambiente in cui viene collocata. 

Menzioni speciali

M.D.S. Mobile diabetes support - Eduardo D'Arienzo

Slim - Alessandro Leghissa 

Per maggiori informazioni visitare www.came.com/camedesignaward

pubblicato in data: