Lubetkin Prize 2009

Prende forma l'edizione 2009 del riconoscimento intitolato all'architetto di origine georgiana Berthold Lubetkin, attivo a Londra negli anni '30 e fondatore del Tecton Group (propertywire.com): i progetti inseriti nella rosa dei finalisti - pubblicata sul sito del Royal Institute of British Architects (architecture.com) - offrono uno spaccato delle opere realizzate durante lo scorso anno, testimoniando il primato di Pechino, sede di tre degli edifici selezionati.

Il Terminale 3 dell'Aeroporto Internazionale (Foster + Partners), il "Bird's Nest" (Herzog & de Meuron) e lo Stadio del nuoto ("Watercube", PTW/Arup) tengono traccia del boom edilizio collegato ai Giochi 2008, oltre a rappresentare il contributo degli architetti-star alla competizione. Tra gli aspiranti al Lubetkin Prize, anche la sede della British High Commission a Colombo - Sri Lanka (Richard Murphy), il Museo Bradhorst a Monaco di Baviera (Sauerbruch Hutton) e il Sean O'Casey Centre di Dublino (O'Donnell Tuomey).

Le sei architetture sono state estrapolate, "in seguito ai sopralluoghi della giuria" (architecture.com), a partire dal gruppo dei 15 premiati con i RIBA International Awards 2009. Il vincitore del Lubetkin Prize sarà annunciato il 14 luglio.

RIBA Lubetkin Prize 2009 - Elenco dei sei finalisti (da architecture.com):

Foster + Partners
Beijing Capital International Airport

Herzog & de Meuron
National Stadium Beijing - Bird's Nest

Richard Murphy Architects
British High Commission

Sauerbruch Hutton
Museum Bradhorst: 1 | 2

O'Donnell Tuomey
Sean O'Casey Centre

PTW Architects
The Water Cube (National Swimming Centre)

pubblicato in data: