Regione Lombardia – Nuovi criteri per prestazione energetica, certificazione di edifici e impianti

La Regione Lombardia ha fissato i nuovi criteri per determinare i requisiti di prestazione energetica e gli attestati di certificazione di edifici e impianti, nuovi e in fase di ristrutturazione
La nuova normativa è stata emessa con delibera regionale n.5773 del 31 ottobre 2007 e comporta modifiche ed integrazioni alla DGR 5018/2007.

I provvedimenti contenuti nella delibera sono finalizzati ad attuare il risparmio energetico, l’uso razionale dell’energia e la produzione energetica da fonti rinnovabili e sono stati adottati in conformità ai principi fondamentali fissati dalle direttive della Comunità Europea.

Le disposizioni presenti nella delibera hanno validità a partire dal 1° gennaio 2008 e vanno a modificare e integrare le "Disposizioni inerenti all’efficienza energetica in edilizia" approvate con DGR 5018/2007.

Le nuove disposizioni riguardano tutte le tipologie di edifici così come sono classificate in base alla loro destinazione d’uso.

Sono pensate per garantire il contenimento dei consumi energetici e la riduzione delle emissioni inquinanti.
Più in particolare individuano le condizioni di progettazione e costruzione delle nuove strutture edilizie, di quelle da riqualificare e delle relative tipologie di impianti.

Sono esclusi dall’applicazione di queste disposizioni gli edifici che fanno parte del patrimonio culturale e paesaggistico del territorio, ma anche i fabbricati industriali, artigianali e agricoli non residenziali, i fabbricati isolati con una superficie inferiore a 50 metri quadri e gli impianti installati per gli usi tipici del settore civile.

Oltre ai requisiti di prestazione energetica per le diverse tipologie di edifici, la delibera fissa i criteri per conferire loro la certificazione energetica, ossia quel complesso di operazioni svolte dai soggetti accreditati per il rilascio dell’attestato di certificazione.

Il conseguimento dell’attestato, infatti, avviene dopo aver determinato le prestazioni energetiche di ciascun edificio ed eventualmente, dopo aver stabilito alcuni caratteristici parametri energetici del sistema edificio-impianti.

Nello specifico il processo di certificazione prevede l’attribuzione di una classe energetica di appartenenza dell’edificio e la definizione di possibili interventi migliorativi delle prestazioni energetiche sia dell’edificio sia degli impianti.

In tal senso la certificazione energetica degli edifici non si limita a costituire un attestato formale, ma diviene uno strumento indispensabile per migliorare l’efficienza energetica del sistema edificio-impianti.

Nella stessa direzione, la maggiore convenienza economica della riqualificazione energetica, ottenuta contabilizzando anche i costi che si riversano sull’ambiente, rientra nel sistema strategico di Regione Lombardia per accrescere la cultura del risparmio energetico attraverso comportamenti coscienti, condivisi e sostenibili, volti ad una efficace salvaguardia ambientale.


DGR 31 ottobre 2007 n. 5773
Vedi (in formato .PDF)

DGR 26 giugno 2007 n. 5018
Vedi (in formato .PDF)



9/07/2007 – REGIONE LOMBARDIA – APPROVATE LE DISPOSIZIONI PER MIGLIORARE L’EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI E PER CERTIFICARE IL LORO FABBISOGNO DI ENERGIA

3/07/2007 – LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO – LA NUOVA GUIDA DELL’AGENZIA DELLE ENTRATE

21/02/2007 – ENERGIA – IL NUOVO PIANO DEL GOVERNO SULL’EFFICIENZA ENERGETICA

6/02/2007 – RENDIMENTO ENERGETICO NELL’EDILIZIA – PUBBLICATE IN GAZZETTA LE MODIFICHE AL DLGS 192/2005

pubblicato in data:

certificazione energetica Comunità Europea edifici edilizia efficienza energetica energia progettare e costruire Regione Lombardia risparmio energetico ristrutturazione