Ragusa, intervento di ampliamento per l'ospedale Giovanni Paolo II

concorso di progettazione - procedura aperta - due fasi

pubblicato il:

Consegna 1a fase entro il 3 febbraio 2022

L'Azienda Sanitaria Provinciale di Ragusa ha bandito un concorso di progettazione per individuare il miglior progetto di completamento del presidio ospedaliero Giovanni Paolo II, attivo da ottobre 2018.

La nuova struttura sarà realizzata sull'area attigua a quella in cui sorge l'esistente ospedale. Con il progetto si intende trasferire tutte le attività ed i servizi sanitari, ora ospitati presso la struttura obsoleta dell'Ospedale Maria Paternò Arezzo, raggruppando così tutte le attività sanitarie in un'unica sede.

L'intervento punterà quindi in primo luogo a superare la criticità legata alla dislocazione delle attività sanitarie su due presidi ospedalieri ubicati in zone esterne al perimetro urbano e diametralmente opposte tra loro. In questo modo si favorirà una logica organizzativa volta al contenimento dei costi e all'ottimizzazione dell'utilizzo di risorse umane e tecnologiche.

La centralità dell'ospedale rafforzerà il sistema rete ospedaliera, agendo positivamente su tutta la rete territoriale e garantirà, allo stesso tempo, livelli di professionalità più elevate, maggiori tecnologie e più opportunità di sviluppo.

Il costo stimato per la realizzazione dell'opera, comprensivo degli oneri della sicurezza, è di 31.000.000 euro al netto di I.V.A.

Il concorso, a procedura aperta e in forma anonima, è articolato in due gradi di progettazione:

  • in prima fase è richiesto un masterplan generale relativo all'intero complesso architettonico, fabbricato esistente e ampliamento, che nel rispetto delle indicazioni fornite, dimostri la fattibilità e la compatibilità dell'intervento rispetto alle specifiche fornite dal presente documento di indirizzo e il suo inserimento nel contesto storico-architettonico-paesaggistico.
    La proposta ideativa conterrà schemi funzionali dei diversi livelli, una sezione longitudinale e una rappresentazione tridimensionale.
  • in seconda fase si concentrerà l'attenzione sulla parte architettonica e sull'indicazione delle scelte tecnologiche impiantistiche del progetto di fattibilità tecnico economica degli interventi di rifunzionalizzazione del fabbricato esistente e ampliamento dello stesso.
    In questa fase, oltre al dettaglio del masterplan sono richieste le piante di tutti i livelli, le rappresentazioni tridimensionali con foto inserimenti realistici da più prospettive (pre e post intervento) e i dettagli costruttivi.
    In seconda fase sono richiesti specifici requisiti nel campo di sicurezza, antincendio, geologia e certificazione energetica.

Criteri di valutazione 1° grado

  • inserimento nel contesto ambientale, agli aspetti compositivi ed architettonici e all'originalità | fino a 40 punti
  • coerenza con gli obiettivi del bando | fino a 40 punti
  • sostenibilità economica | fino a 20 punti

Commissione giudicatrice 1° grado

  • Prof. Arch. Maurizio Carta (Presidente)
  • Ing. Maurizio Russo
  • Prof. Arch. Mosè Ricci
  • Ing. Italo Vezzuto
  • Ing. Ignazio Alberghina
  • Dott. Angelo Pellicanò
  • Arch. Gaetano Manganello

Premi

  • 1° classificato: 148.800 euro
  • dal 2° al 5° classificato: 24.800 euro

Bando e documentazione
[ concorsiawn.it ]