Scandicci, nuova scuola secondaria e un masterplan di trasformazione dell'area Turri

concorso di progettazione - procedura aperta - due gradi

pubblicato il:

Consegna 1a fase entro il 23 marzo 2022

Il Comune di Scandicci (FI) ha bandito un concorso di progettazione per acquisire il progetto della nuova scuola secondaria "E. Fermi" e un masterplan generale dell'area sportiva "Turri".

L'area di progetto, di circa 55.000 mq, si trova nella zona centrale della città, caratterizzato dalla vicinanza del nuovo Centro Civico progettato dall'architetto Richard Rogers e dall'asse viario della Tramvia.

Gli obiettivi che l'Amministrazione Comunale intende perseguire, sono in primo luogo legati alla necessità di dotare il territorio cittadino di una nuova Scuola Secondaria di 1° grado inserita in un'area riqualificata dal punto di vista paesaggistico-architettonico, in sostituzione della sede dell'attuale scuola.

La futura scuola dovrà essere concepita come un vero e proprio polo che aggreghi le esperienze educative e culturali del territorio e che proponga attività di formazione e iniziative aperte anche alla cittadinanza, che potrà usufruire dei servizi educativi e culturali e delle strutture in orario extrascolastico, tenendo conto del fatto che l'intero comparto, oltre alla palestra della scuola e di un auditorium scolastico musicale, sarà completato in una fase successiva con l'inserimento di una ulteriore palestra con almeno 500 posti a sedere per spettatori, della nuova sede della Scuola di Musica di Scandicci, di locali legati alla formazione culturale post-diploma.

Dal punto di vista architettonico-paesaggistico il progetto dovrà occuparsi del riequilibrio dei rapporti tra volumi costruiti e spazi aperti e, dove possibile, della ricucitura dei fronti e delle connessioni tra le quinte prospettiche e dei percorsi ciclabili e pedonali che convergono sull'area, valorizzando le aree pubbliche poste in prossimità della tramvia.

Il costo stimato per la realizzazione dell'opera, comprensivo degli oneri della sicurezza, è di 9.095.000 euro.

Per il concorso è stata adottata una procedura aperta articolata in due gradi di progettazione.

Nella prima fase è richiesta l'elaborazione di una proposta ideativa che permetta alla Commissione Giudicatrice di scegliere, le migliori 5 proposte sulla base di:

  • qualità paesaggistica e del disegno urbano (fino a 35 punti)
  • architettura e concetto pedagogico (fino a 50 punti)
  • sostenibilità e aspetti tecnico-costruttivi (fino a 15 punti)

Giuria prima fase

  • Sandy Farag Attia (architetto) - Presidente
  • Marta Baretti (architetto)
  • Lorenzo Paoli (architetto)
  • Gianfranco Franchi (architetto)
  • Samuele Borri (ingegnere)

Premi

  • 1° classificato: 40.000 euro
  • dal 2° al 5° classificato: 11.500 euro

Bando e documentazione
[ concorsiawn.it ]