Scelta, montaggio, uso e smontaggio di trabattelli: una guida dell'INAIL

Nuovo opuscolo dei Quaderni tecnici per i cantieri temporanei e mobili

Ancoraggi, parapetti provvisori, ponteggi fissi, reti di sicurezza, scale portatili, sistemi di protezione individuale dalle cadute: sono gli argomenti affrontati dai Quaderni tecnici dell'INAIL, ampliati con una nuova pubblicazione dedicata ai trabattelli.

up-to-date

Ancoraggi, parapetti provvisori, ponteggi fissi, reti di sicurezza, scale portatili, sistemi di protezione individuale dalle cadute: sono gli argomenti affrontati dai Quaderni tecnici per i cantieri temporanei e mobili, pubblicati dall'INAIL e realizzati dal Dipartimento innovazioni tecnologiche e sicurezza degli impianti, prodotti e insediamenti antropici. La raccolta viene ampliata con un nuovo testo che racchiude le indicazioni essenziali per la scelta, il montaggio, l'uso e lo smontaggio dei trabattelli.

L'opuscolo fa riferimento alla normativa vigente, comprese le norme UNI (UNI EN 1004: 2005 e la UNI EN 1298: 1998) e la circolare del Ministero del Lavoro n.30 del 2006. Contiene tutte le indicazioni che riguardano la classificazione, la marcatura e le sue caratteristiche, e le raccomandazioni per la scelta, il montaggio, l'uso e lo smontaggio in sicurezza di un trabattello.

Per la scelta del trabattello da adottare si fa riferimento alla specifica lavorazione e «alla complessità, alla estensione e alla geometria dell'opera da servire». La scelta dipende, si sottolinea nel documento, «dai rischi da eliminare e/o ridurre preventivamente individuati nell'attività di valutazione dei rischi». 

Fondamentali, poi, il controllo e la manutenzione del trabattello, che devono essere eseguiti da personale qualificato. In particolare per i componenti metallici occorre effettuare le verifiche dello stato superficiale, dell'usura, dei danni dovuti alla corrosione, dello stato delle saldature, dello stato delle parti mobili e di viti, perni, dadi, bulloni e rivetti.

C'è poi una sezione FAQ, in cui ad esempio si specifica che un trabattello non ha obbligo di marcatura CE, in quanto non esiste una direttiva di prodotto. Inoltre, viene specificato che un trabattello è conforme al D.Lgs. 81/08 (allegato XXIII) quando:

  • sia costruito conformemente alla UNI EN 1004;
  • il costruttore fornisca la certificazione del superamento delle prove di rigidezza, di cui all'appendice A della UNI EN 1004, emessa da un laboratorio ufficiale;
  • l'altezza del trabattello non superi 12 m se utilizzato all'interno (assenza di vento) e 8 m se utilizzato all'esterno (presenza di vento);
  • se utilizzato all'esterno degli edifici, venga realizzato, ove possibile, un fissaggio all'edificio o altra struttura;
  • per il montaggio, uso e smontaggio siano seguite le istruzioni indicate dal costruttore in un apposito manuale redatto in accordo alla UNI EN 1004.

DOCUMENTO

• INAIL, Quaderni tecnici per i cantieri temporanei e mobili

 

pubblicato in data: