Terminati gli uffici Arpae di Mario Cucinella Architects, ecco come la forma sposa i princìpi bioclimatici

Alle porte di Ferrara è stata completata la sede dell'Agenzia regionale per la prevenzione, l'ambiente e l'energia (Arpae), firmata dallo studio Mario Cucinella Architects. Forma e performance energetiche sono intimamente connesse nell'edificio caratterizzato dalla presenza di 112 camini che controllano la luce solare e migliorano la ventilazione naturale. Questi in inverno funzionano come delle serre, ossia accumulano calore solare; in estate, sfruttando l'effetto camino, espellono l'aria calda dalla loro sommità.

Tutto ciò senza apporto tecnologico. «È quest'idea che mi interessa esplorare: investire di più sull'analisi e le simulazioni che sulla sola tecnologia, creando un edificio che sia di fatto ibrido. Questo rappresenta il vero cambiamento per un'architettura che si dirige verso un'era ecologica, e che fa delle grandi sfide ambientali dettate dall'emergenza climatica, delle opportunità per uno sviluppo innovativo», sottolinea Mario Cucinella. Anche il patio ha una sua precisa funzione nella strategia energetica.

Questo funziona infatti anche da giardino climatico. Le corti interne (sia dell'edificio nuovo che di quello esistente) creano un microclima che consente di ridurre la temperatura.

Fotografia © Moreno Maggi

Fotografia © Moreno Maggi

Fotografia © Moreno Maggi

«La copertura assolve alle funzioni energeticamente più importanti: diventa condotto della luce naturale zenitale, estrattore d'aria calda durante la stagione estiva e superficie captante (un vero e proprio collettore solare) durante la stagione invernale. Circa 300 metri quadri di pannelli fotovoltaici sono posti su alcuni dei camini della copertura che hanno l'orientamento ottimale, al fine di massimizzare l'apporto di energia solare. Inoltre, per la produzione di acqua calda sanitaria, sono stati collocati nella copertura dell'edificio esistente dei pannelli solari», spiega lo studio con una nota.

Fotografia © Lena Taddia

Fotografia © Lena Taddia

L'edificio è realizzato interamente in legno e montato a secco, fanno eccezione, ovviamente, le fondazioni che sono in calcestruzzo armato. La struttura portante, in legno lamellare, è composta da elementi strutturali dritti a sezione rettangolare, realizzati con tavole di legno d'abete. La forma, organica, aiuta l'inserimento armonico nel contesto. E, non solo. È pensata per minimizzare al massimo l'utilizzo di impianti; la maggior parte dell'energia necessaria per il loro funzionamento proviene da fonti energetiche rinnovabili.

Fotografia © Moreno Maggi

Fotografia © Lena Taddia

 

Crediti del progetto

Cliente: ARPA Ferrara
Progetto: Mario Cucinella Architects

Management: Giulia Floriani, Eugenio Roncacci
Team: Mario Cucinella, Michele Olivieri, Giulio Desiderio, Chiara Tomassi, Francesco Barone, Caterina Maciocco, Antonella Maggiore, Giulio Pisciotti, Luca Stramigioli, Alessio Rocco, Debora Venturi

Modello: Natalino Roveri, Yuri Costantini, Andrea Genovesi
Strutture: Tecnopolis S.P.A.
Strutture del legno: SWS Engineering
Studio bioclimatico: TIFS Ingegneria

Ingegneria Elettrica: Tecnopolis S.P.A
Rendering: Engram Studio

pubblicato in data: