Il rifugio di Simone Micheli

Una casa di 180 metri quadrati in una piccola frazione vicino a Firenze è il rifugio personalizzato per l’architetto Simone Micheli che, dopo la sua casa fiorentina, si è costruito ad hoc questo appartamento seguendo il suo stile fatto di contemporaneità e nuance elettro shock.

michelihouse01

Tutto lo spazio è stato ricavato da due appartamenti che sono stati uniti demolendo tutto ciò che c’era prima per far spazio ai desideri del nuovo inquilino.

Tre livelli con altezze generose hanno permesso l’acuta disposizione dell’arredamento che segue forme geometriche e linee fluo riuscendo a definire gli spazio seguendo la scelta del colore principale di tutta la casa: il bianco.

michelihouse02     michelihouse03

Simone Micheli conferma il suo amore per la contaminazione fra colore e purezza scegliendo una zona living disseminata da forme a uovo con divani morbidi e librerie smussate che rallegrano l’atmosfera con tocchi di verde acido. Tutto lo spazio è open space e dalla zona relax si arriva alla cucina off white laccata completata dal tavolo da pranzo in legno in pendant con il pavimento.

michelihouse04     michelihouse05

Anche il piano di sopra segue la tendenza del bianco con camere e bagni senza colori in cui i mobili non incontrano angoli pensando a una vita senza spigoli. Il non colore regna sovrano, anche per il calcetto su misura nella cameretta; tutto accostato alle pareti in pietra e agli specchi che, come accade al piano inferiore, aiutano ad ampliare gli spazi e a creare giochi di ombre.

michelihouse08     michelihouse10

La famiglia ha creato così per sé uno spazio flessibile nel quale vivere ogni giorno punteggiando la vita, e l’arredamento, di nuance accese.

di Valentina Bozzetti

INFO: http://www.simonemicheli.com/

FOTO: Courtesy Juergen Eheim

pubblicato in data: 12/05/2014

, ,