Un progetto innovativo: l’interactive wine cellar

Uno stretto rapporto di collaborazione tra designer, frigoristi ed enologi ha portato allo sviluppo di un rivoluzionario sistema di conservazione del prodotto vino. Umidità e temperatura sono costantemente monitorati e mantenuti ai valori ottimali sia per lo stoccaggio che per la preparazione al consumo ( frigoriferi con temperature diverse a seconda del prodotto da servire). Per garantire la perfetta conservazione nel tempo, la cantina oltre a monitorare temperatura ed umidità è in grado di segnalare (sms / mail / altro) eventuali anomalie di sistema (porta aperta / variazioni improvvise di temperatura / altro..) così da permettere una rapido intervento. Tutti i dati vengono conservati in memoria e possono essere consultati rapidamente così da garantire un accurato monitoraggio delle variazioni di temperatura/umidità nel tempo.

Questo è il progetto di Luxury Italian projects candidato al Premio Codega 2016

Domotica e luce per un sistema innovativo

Il cuore del sistema si trova nella colonna tecnica che, attraverso l’intuitiva interfaccia touch, permette il controllo ed il settaggio delle funzionalità di tutta l’infrastruttura tecnologica (escluso gestione temperature/umidità gestite da appositi strumenti).

  • Visualizzazione Anagrafica Prodotti / Giacenza magazzino
    Ogni prodotto prevede le seguenti informazioni: codice, nome, colore, descrizione, provenienza, annata, categoria, gradazione alcolica, attributi quali fermo, bollicine, passito, liquoroso, distillato…, quantità presente in cantina (se presente appare anche il tasto identifica, che permette di accendere per un tempo predefinito le luci della cantina relative a quello specifico prodotto). E’ prevista la ricerca per regione, colore, produttore e nome prodotto.
  • Storico Prodotti
    Elenco dei prodotti prelevati e/o consumati nel tempo, con la data di prelievo ed eventuale rate/commenti
  • Acquisizione e gestione impronte digitali
    Attraverso apposito dispositivo (Finger print) è possibile registrare e gestire centinaia di impronte digitali alle quali associare specifiche funzionalità.
  • Accesso tramite impronta digitale (anche con lettori multipli)
    L’accesso alla cantina può avvenire attraverso lettura dell’impronta digitale. Possono essere previste più elettro-serrature che vengono attivate se l’impronta letta corrisponde ad un’impronta inserita a sistema.
  • Apertura locazioni di sicurezza
    In seguito alla digitazione di una password di sicurezza o con impronta digitale è possibile aprire vani chiusi elettricamente quali ante di mobili e/o cassetti.
  • Gestione scenari di luce
    Uno scenario luce prevede l’illuminazione di specifiche aree della cantina. Con questa interfaccia l’utente può vedere quanti e quali scenari sono stati preimpostati così da attivarli o disattivarli con un semplice click. Sono previsti comunque interruttori fisici indipendenti per l’accensione delle luci.
  • Gestione Security/Permessi
    Sono previsti più livelli di sicurezza per accesso a specifiche funzionalità.

 

Identificazione e tracciabilità dei prodotti

Grazie al dispositivo tablet è possibile accedere a tutti i dati della cantina ed effettuare velocemente le operazioni di scelta, prelievo e carico bottiglie.

Collarini appositamente progettati permettono una veloce e precisa identificazione della singola bottiglia, così da semplificare tutte le operazioni di carico e scarico, mantenendo traccia di tutte le operazioni effettuate.

  1. Identificazione Visiva
    Le bottiglie presenti sulla rastrelliera e nei frigoriferi permettono di essere identificate singolarmente dal sistema. Ogni bottiglia è appogliata su specifico portabottiglie in materiale lumiescente e collegato al sistema attraveso schede tecnologiche proprietarie. Sarà sufficiente cliccare su apposita icona da tablet e/o touch per illuminare la bottiglia o il gruppo selezionato, così da rendere semplice l’identificazione di tutti i prodotti scelti.
  2. Collarini NFC (Near Field Comunication: ultima generazione di transponder RFID)
    Ogni bottiglia prevede un collarino (in dotazione con la cantina) contenente un dispositivo NFC in grado di memorizzare specifiche informazioni.
  3. Carico bottiglia
    L’operatore dovrà semplicemente associare collarino/bottiglia a scheda prodotto, e locazione.
  4. Scarico bottiglia
    La cantina prevede al suo interno diverse antenne NFC, sarà sufficiente appoggiare il collarino all’antenna per effettuare la procedura di scarico automatico. Un apposito segnale audio confermerà l’avvenuto scarico.
  5. Ricarico rapido
    Allo scarico di una bottiglia, per permettere un veloce ricarico di prodotti, il sistema da la possibilità di ricaricare nella stessa locazione una delle bottiglie presenti a sistema.
  6. Ricarico multiplo
    Per permettere un veloce ricarico di prodotti, il sistema da la possibilità di caricare in più locazioni un numero di bottiglie più elevato, appartenente alla stessa etrichetta o di etichette diverse, in modo da permettere di gestire il sistema di carico anche lontano dalla postazione cantina ed inserire in un secondo momento le bottiglie.


Tutto su misura

Tutto il progetto cantina tecnologica è realizzato su misura. Non esistono componenti standard, ogni progetto viene sviluppato a stretto contatto con il cliente così da realizzare di volta in volta il prodotto con le caratteristiche più affini allo stile di vita del committente.
Anche il software può essere realizzato su misura. 0039 dispone di un team interno di sviluppatori in grado di realizzare software sulla base delle specifiche richieste del cliente. Sviluppiamo funzionalità ed interfacce specifiche così da soddisfare qualsiasi tipo di esigenza (rete di cantine / locali pubblici / prenotazioni remote / altro)

La componentistica hardware può essere configurata ad-hoc, dando così al cliente la possibilità di creare soluzioni tecniche quanto più adatte al proprio stile di vita.

 

L’architettura del sistema è basata su un computer centrale che gestisce la base dati della cantina e tutte le periferiche hardware di comando delle luci, della lettura delle impronte e dei transponder NFC (RFID). Tutti i dispositivi connessi sono sotto controllo e monitoraggio continuo da parte del server centrale e ogni singola anomalia può essere diagnosticata e inviata a video su tablet e su monitor touch e/o anche a indirizzi mail di destinazione (nel caso di connessione internet presente).
Tutto l’impianto di illuminazione, di lettura dei transponder e di identificazione dell’utente è alimentato in bassa tensione (12V / 24V). Inoltre l’impianto illuminotecnico è stato progettato per consumare quasi la metà dei tradizionali impianti a LED.

pubblicato in data: