Regime minimi confermato e bonus mobili ampliato nella Legge di Stabilità appena approvata

Il provvedimento passa ora alla Camera in prima lettura

Il Senato ha approvato il maxiemendamento interamente sostitutivo del DDL di Stabilità, sul quale il Governo aveva posto la questione di fiducia. Viene confermato il nuovo Regime dei minimi, così come era stato delineato dal Governo e viene rafforzato il bonus mobili per le giovani coppie, il cui limite massimo di spesa raddoppia, raggiungendo quota 16mila euro. Il testo del DDL passa ora all'altro ramo del Parlamento.

Dal prossimo anno, salvo eventuali modifiche al DDL, entrerà in vigore un rinnovato Regime forfettario o dei minimi. Per i professionisti la novità più importante riguarda l'innalzamento della soglia di reddito che ne determina l'ingresso, che viene portata da 15mila a 30mila euro. Restano invariati sia l'imposta sostitutiva al 15 per cento che il coefficiente di redditività del 78 per cento impiegato per il calcolo dell'imponibile.

I professionisti possono farvi ingresso se nell'anno precedente hanno conseguito ricavi per un importo non superiore al limite di 30mila euro. La spesa in un anno per dipendenti e collaboratori non può superare i 5mila euro lordi. Per entrare nel regime (e rimanerci), inoltre, bisogna non oltrepassare la soglia relativa all'acquisto di beni strumentali, fissata in 20mila euro in un anno (non rientrano nel computo i beni immobili utilizzati per la professione). Per approfondire: Regime dei minimi: vademecum per le partite IVA dal 2016.

Viene confermata la detrazione ai fini dell'Irpef per l'acquisto di mobili destinati all'abitazione principale. A poterne usufruire sono le giovani coppie che acquistino un'abitazione (prima casa) e che abbiano costruito il nucleo familiare da almeno tre anni. Uno dei due componenti non deve aver superato i 35 anni. La detrazione spetta nella misura del 50 per cento delle spese sostenute nel 2016, da ripartire in 10 quote annuali di pari importo. Tale detrazione non è, però, cumulabile, con il bonus mobili attualmente in vigore, che prevede che i mobili acquistati siano destinati all'unità abitativa oggetto di interventi di ristrutturazione ammessi al beneficio fiscale del 50 per cento. Nel passaggio al Senato il beneficio fiscale per le giovani coppie viene rafforzato e viene raddoppiato il tetto massimo di spesa che passa da 8mila a 16mila euro. Dunque si potranno portare in detrazione fino a 8mila euro.

Confermati, inoltre, per tutto il 2016 i bonus per le ristrutturazione e per il risparmio energetico, nella misura rispettivamente del 50 e del 65 per cento. Confermato anche il prolungamento del bonus del 50 per cento per l'acquisto di mobili, di grandi elettrodomestici (di classe non inferiore ad A+) e di altre apparecchiature per le quali sia prevista l'etichetta energetica, che dovrebbe restare in vigore per tutto il 2016. (vedi: Detrazioni fiscali per l'edilizia: le novità nel testo del DDL di Stabilità).

» Il nuovo testo del DDL di Stabilità 

pubblicato in data: - ultimo aggiornamento: