Equo compenso, assunzioni al Consiglio superiore LLPP, fondo per demolire opere abusive nel DDL Bilancio

Rafforzato l'equo compenso, introdotto un bonus per i condomini che unisce sismabonus ed ecobonus. Istituito un fondo per la demolizione di opere abusive. Stanziati 30 milioni a sostegno dei privati che intervengono volontariamente sulla conservazione di beni culturali vincolati.  Al via assunzioni al Consiglio superiore dei lavori pubblici. E dall'Inail nuovi fondi per il programma "scuole innovative".

Alla Camera il disegno di legge di Bilancio 2018 fa il pieno di nuove misure di interesse per il settore dell'edilizia e per i professionisti di area tecnica. Ieri  la Camera con 296 voti favorevoli e 160 contrari ha votato la questione di fiducia posta dal Governo sull'approvazione, senza emendamenti ed articoli aggiuntivi, dell'articolo 1 del disegno di legge. Oggi il provvedimento sarà licenziato in via definitiva e approderà al Senato per una velocissima approvazione che non lascia spazio ad ulteriori modifiche. Dunque i contenuti del testo sono ormai definitivi.

Fondo per la demolizione di opere abusive

Presso il ministero delle Infrastrutture viene istituito un Fondo che porta in dote 10 milioni di euro (5 milioni per il 2018 e altrettanti per il 2019) destinati  ai Comuni e finalizzati alla demolizione di opere abusive. Per rendere operativa la misura serve un decreto che il ministero delle Infrastrutture deve emanare di concerto con i ministeri dei Beni culturali, dell'Economia e dell'Ambiente, sentita la Conferenza unificata. Il regolamento ha il compito di definire i criteri per l'utilizzazione e la ripartizione del fondo.

Viene anche prevista l'istituzione  - entro 90 giorni decorrenti dall'entrata in vigore della legge di Bilancio - di una banca dati nazionale sull'abusivismo edilizio presso il ministero delle Infrastrutture. Gli enti, le amministrazioni e tutti gli organi competenti in materia di abusivismo sono tenuti alla condivisione delle informazioni relative agli illeciti e ai provvedimenti emessi in tema di repressione dell'abusivismo e alla loro trasmissione alla banca dati.

Sono previste sanzioni fino a mille euro a carico del dirigente o funzionario inadempiente, che inserisce tardivamente le informazioni all'interno della banca dati nazionale. Anche per il funzionamento della banca dati serve un decreto. L'emanazione è di competenza del Mit.

Equo compenso

Viene modificato il decreto fiscale che ha introdotto la disposizione volta a garantire ai professionisti un compenso equo nei rapporti con la pubblica amministrazione e i clienti cosiddetti "forti", definizione, quest'ultima, che include i grandi committenti escludendo microimprese e Pmi. In particolare viene rafforzato il legame tra il concetto di equo compenso e l'impiego dei parametri tariffari. Se il decreto fiscale (Dl 148 del 2017) e la sua legge di conversione considerano equo il compenso proporzionato alla quantità e alla qualità del lavoro svolto, tenuto conto dei parametri fissato con decreto del ministero della Giustizia, con la nuova formulazione si considera equo il compenso, non solo adeguato alla qualità e alla quantità della prestazione, ma anche conforme ai parametri tariffari.

Inoltre le clausole contrattuali che la legge definisce vessatorie restano tali anche se sono state oggetto di specifica trattativa tra professionista e cliente. Il decreto fiscale, infatti definisce nulle alcune clausole a meno che queste non siano state oggetto «di specifica trattativa o approvazione». Si tratta, ad esempio, delle clausole che attribuiscono al cliente la facoltà di stipulare elementi essenziali del contratto in forma diversa da quella scritta e quelle che impongono la rinuncia al rimborso delle spese legate alla prestazione professionale  Con la modifica apportata dalla legge di Bilancio tali clausole restano nulle anche se sono state approvate o oggetto di trattativa. Continuano a non poter essere considerate nulle, se concordate, le clausole che prevedono tempi di pagamento superiori a 60 giorni dalla data di ricevimento della fattura.

 

Contributi per la conservazione dei beni culturali vincolati di proprietà privata

Vengono stanziati 10 milioni per il 2019 e 20 milioni per il 2020 per aiutare i proprietari di beni culturali a realizzare interventi conservativi volontari. Le modalità per l'erogazione dei contributi devono essere oggetto di un apposito decreto, che il Mibact deve adottare entro 90 giorni dall'entrata in vigore della legge di Bilancio.

Sismabonus ed ecobonus uniti in una nuova detrazione

Per i condomìni arriva la nuova detrazione fiscale che unisce ecobonus e sismabonus. Del nuovo incentivo potranno beneficiare i condomìni che mettono in atto, contemporaneamente, interventi finalizzati sia alla riduzione del rischio sismico che al miglioramento delle prestazioni energetiche dell'immobile. Si tratta di un incentivo aggiuntivo sia rispetto all'eco-bonus che al sismabonus attualmente in vigore.

Il nuovo bonus si applica agli interventi sulle parti comuni di edifici condominiali ricadenti nelle zone a rischio sismico 1, 2 e 3, finalizzati sia alla riduzione del rischio sismico che alla riqualificazione energetica. La detrazione spetta nella misura dell'80 per cento se grazie ai lavori si riesce a scalare una classe di rischio.

È l'entità del miglioramento sismico conseguito - che si identifica con il numero di classi di rischio che gli interventi permettono di scalare - a determinare la detrazione fiscale associata al nuovo bonus. In particolare, se gli interventi determinano un miglioramento tale da permettere un "salto" di almeno due classi, allora la detrazione fiscale spetta nella misura dell'85 per cento. La detrazione viene ripartita in 10 quote annuali di pari importo e si applica su un ammontare delle spese non superiore a 136mila euro, moltiplicato per il numero di unità immobiliari comprese nell'edificio.

Nel passaggio alla Camera ha subito modifiche la detrazione per l'acquisto e la posa in opera di impianti di climatizzazione invernale. (Per le modifiche apportate alla Camera relativamente ai bonus edilizi si rimanda all'articolo di approfondimento: Bilancio 2018: per i condomìni l'ecobonus si unisce al sismabonus con una detrazione fino all'85 per cento.

Credito di imposta per gli alberghi esteso agli stabilimenti termali

Il credito di imposta del 30 per cento per la riqualificazione delle strutture alberghiere (usufruibile fino ad un tetto di spesa di 200mila euro per interventi di ristrutturazione, efficientamento energetico, eliminazione delle barriere architettoniche e acquisto di mobili e componenti di arredo) viene esteso anche alle strutture per le cure termali. L'accesso al credito d'imposta è disciplinato dallo stesso decreto che definisce il perimetro delle detrazioni specifiche per gli alberghi (Dm 7 maggio 2015).

70 assunzioni al Consiglio superiore dei Lavori pubblici

Viene autorizzata l'assunzione a tempo indeterminato, da parte del ministero delle infrastrutture, di 70 unità di personale (da inquadrare nel livello iniziale dell'Area III) che saranno impiegate tra il 2018 e il 2020 presso il Consiglio superiore dei Lavori pubblici. Potranno essere banditi concorsi (anche in deroga alla normativa che ha previsto concorsi pubblici unici a livello nazionale) ma resta ferma anche la possibilità di effettuare assunzioni utilizzando le graduatorie di concorsi pubblici, approvate da altre amministrazioni.

Assunzioni presso il Parco archeologico di Pompei

È previsto l'avvio (entro il 31 marzo 2018), da parte del Mibact, di un concorso finalizzato all'assunzione di archeologi, architetti e ingegneri che, reclutati tramite procedura selettiva pubblica, abbiano prestato servizio per almeno 36 mesi nell'ambito della Segreteria tecnica di progettazione del parco archeologico di Pompei.

Nuovi fondi per scuole innovative

Oltre ai 350 milioni già stanziati per realizzare i progetti di nuove scuole scaturiti dal concorso del Mibact conclusosi lo scorso novembre e oltre ai 100 milioni derivanti da investimenti immobiliari di cui è stata decisa la ripartizione delle quote tra 10 Regioni, l'Inail, sempre nell'ambito dei suoi investimenti immobiliari, destina ulteriori 50 milioni per il completamento del programma di costruzione di scuole innovative. Questi sono destinati, più nello specifico, a scuole da realizzare in aree interne del Paese, che dovranno essere individuate dal Comitato tecnico per le aree interne.

I canoni di locazione da corrispondere all'Inail sono a carico dello Stato per 1,5 milioni annui a partire dal 2019.

Fondo piccoli Comuni

Viene rafforzato il Fondo per i piccoli Comuni istituito dalla legge per lo sviluppo economico, sociale, ambientale e culturale dei comuni italiani con non più di 5mila abitanti (legge 158 del 2017). Il punto centrale della legge era l'istituzione del Fondo per lo sviluppo dei piccoli comuni che conta su una dotazione di 100 milioni di euro (10 milioni per il 2017 e 15 milioni per gli anni dal 2018 al 2023). Con un emendamento approvato in Commissione Bilancio tale fondo viene incrementato di altri 60 milioni.

Indici di affidabilità fiscale: prorogata di un anno l'applicazione

Viene rinviata di un anno la cancellazione degli studi di settore. Slitta infatti di un anno il debutto degli indici di affidabilità fiscale che erano destinati a mandare in soffitta, a partire dal prossimo anno, gli studi di settore. Gli indici sintetici di affidabilità fiscale dovevano infatti essere applicati dall'anno di imposta 2017.

Gli indici, in particolare, esprimono su una scala da 1 a 10 il grado di affidabilità fiscale riconosciuto a ciascun contribuente e si applicheranno, tra gli altri, ai professionisti. I contribuenti che raggiungeranno alti livelli di affidabilità avranno accesso ad un sistema premiale che prevede l'esclusione da alcuni accertamenti o le riduzione dei termini per gli accertamenti stessi.

Mariagrazia Barletta

IL TESTO DEL DDL DI BILANCIO 2018
Bilancio di previsione dello Stato per l'anno finanziario 2018 e bilancio pluriennale per il triennio 2018-2020

pubblicato in data: - ultimo aggiornamento: