Valutazione ambientale strategica (Vas): tempi ridotti con il Dl Pnrr

pubblicato il: - di Mariagrazia Barletta

In vigore dal 7 novembre la Valutazione ambientale strategica (Vas) con tempi ridotti per: la consultazione dei soggetti competenti, la ricezione delle osservazioni dei cittadini e l'ottenimento del parere dell'autorità competente. È l'effetto del Dl attuativo del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr), pubblicato sulla Gazzetta ufficiale del 6 novembre 2021 e in vigore dal giorno successivo.

Il Dl ha infatti modificato il testo unico in materia ambientale (Dlgs 152 del 2006) riducendo alcune tempistiche legate alla Vas.

L'accorciamento dei tempi riguarda, tra l'altro, la consultazione dei soggetti competenti in materia ambientale, che, salvo quanto diversamente comunicato dall'autorità competente, si conclude entro non più 90, bensì 45 giorni dall'invio del rapporto preliminare sugli impatti ambientali.

Pubblicato l'avviso con il quale tutta la documentazione predisposta per la Vas viene messa a disposizione per l'informazione e la partecipazione dei cittadini, chiunque può prendere visione della proposta di piano o programma e del relativo rapporto ambientale e presentare osservazioni entro non più 60, ma entro 45 giorni.

Acquisite e valutate la documentazione presentata dall'autorità procedente e le osservazioni inoltrate, l'autorità competente ha non più 90, bensì 45 giorni di tempo per esprimere il proprio parere motivato.

Il Dl attuativo del Pnrr

Oltre alla riduzione dei tempi che scandiscono l'iter della Vas, un'altra modifica prevede che  il rapporto preliminare sui possibili impatti ambientali significativi tenga conto anche di impatti transfrontalieri eventualmente derivanti dal piano o dal programma.

Dall'elenco della documentazione che l'autorità procedente è tenuta a trasmettere a quella competente, insieme al piano o al programma e al rapporto ambientale, viene infine eliminata la copia della ricevuta di avvenuto pagamento degli oneri istruttori.