Quando la luce si fa VIP

Stefano Dall’Osso e il suo team di lavoro hanno progettato l’impianto di illuminazione di un locale pubblico mirato a creare una dimensione intima e rilassante per i clienti che lo frequentano. Il ristorante V.I.P. si trova nel cuore dell’area fiera di Ginevra: il Palexpo, un centro congressi di 106.000 mq dal respiro internazionale.

Palexpo1

L’intervento illuminotecnico ha interessato la reception e la sala del ristorante e si è ispirato a elementi che ricreano l’armonia della natura ed evocano sensazioni piacevoli: nuvole, gocce, campane e funghi.
L’obiettivo primario di questo ambizioso progetto è stato quello di creare un’atmosfera accogliente, in grado di suscitare nei commensali emozioni inaspettate, contribuendo al loro benessere. L’illuminazione è volta a creare una cornice che possa mettere in scena l’ambiente e il design degli arredi, per fare in modo che nell’area ristorante la luce artificiale dilati i tempi di fruizione del locale, prolungando alle ore notturne il piacere di soffermarsi e vivere il contesto.

Le scelte illuminotecniche e l’impiego dei LED

All’interno del Ristorante V.I.P. sono stati installati differenti apparecchi illuminanti ad alta resa cromatica (CRI) e una temperatura colore (K) con luminanze ben bilanciate per creare il giusto mood ed esaltare le particolarità architettoniche della sala, conferendole un’immagine accattivante.
Nel locale sono state adottate nuove tecnologie in grado di massimizzare l’efficienza energetica con il minimo impatto ambientale: tutte le sorgenti luminose LED sono di ultima generazione, caratterizzate da una ridotta emissione di calore.

Il progetto prevede un sistema di gestione e controllo della luce che permette di regolare flussi e potenze degli apparecchi illuminanti installati e, allo stesso tempo, di rendere l’ambiente flessibile e versatile grazie alla gestione di 6 possibili regie luminose che danno vita a forme scenografiche sempre diverse e, al contempo, compiute. Nella reception e lungo tutta la sala, sono stati installati degli apparecchi circolari da incasso a soffitto di differenti diametri che – come gocce di pioggia – sono distribuiti in modo da creare una luce che conferisce dinamicità allo spazio.

Palexpo2

Al di sopra di ogni tavolo sono state posizionate le campane – ovvero degli apparecchi illuminanti a sospensione – dotati di struttura in ABS con finitura esterna di colore nero e finitura interna in foglia d’oro. Queste pregiate lampade sospese sui tavoli centrali generano una luce correttamente dosata e ben direzionata. Con la loro eleganza rendono piacevole il momento conviviale e garantiscono il comfort visivo al momento della consultazione del menù e della degustazione delle pietanze.
A incorniciare il ristorante, si trovano degli apparecchi da parete in acciaio satinato che – sporgendo dalla superficie come funghi – contribuiscono a caratterizzare lo spazio e renderlo suggestivo.
Con il contributo offerto dalla H2light di Ginevra che ha fornito tutti gli apparecchi illuminanti per questo particolare progetto illuminotecnico, la luce ha acquisito un ruolo determinante e fondamentale, consentendo agli ospiti di trovare una dimensione stimolante, in linea con lo stile e il mood del Palexpo.

pubblicato in data:

, , , , , , ,