Milano, un orto a Km 0 sull'ex fabbrica di cioccolato

Il tetto dello stabilimento Italcima, un'ex fabbrica di cioccolato degli anni Trenta firmata da Luciano Baldessari e Gio Ponti, diventa location per un orto a Km 0. Svelati i vincitori del concorso lanciato da Infoweb e dall'associazione culturale Hortus 2015.

notizie di architettura

I progettisti Simona Basilico, Barbara Cavalieri e Stefano Moscatelli scelgono lo stabilimento Italcima, un'ex fabbrica di cioccolato degli anni Trenta firmata da Luciano Baldessari e Gio Ponti, come location per il loro orto a Km 0. Siamo a Milano, in via Legnone, dove il complesso è oggi convertito in uffici ed abitazioni. L'idea del giovane team di architetti conquista il primo posto al concorso d'idee "1000 orti a Km 0 per Milano", bandito lo scorso novembre da Infoweb e dall'associazione culturale Hortus 2015, con il patrocinio del Collegio Ingegneri e Architetti di Milano.

In linea con i temi dell'Expo, il concorso chiedeva di sviluppare un concetto architettonico innovativo e tecnicamente realizzabile, in grado di trasformare lastrici solari di copertura e terrazzi di edifici, realmente esistenti di Milano, in superfici coltivate a verde.

Simona Basilico, Barbara Cavalieri e Stefano Moscatelli basano il loro progetto su una costruzione geometrica. Lo spazio del tetto viene suddiviso, infatti, in moduli rettangolari le cui proporzioni sono costruite sulla sezione aurea. Si tratta di un duplice riferimento: all'architettura razionalista e alla conformazione della tavoletta di cioccolato. Ad interrompere lo schema provvedono due passerelle in deck di legno, che si incrociano tra loro e collegano zone con funzioni diverse (aree relax, agricole e per il compostaggio).

Gli autori del progetto pensano anche ad un modo per diffondere il rinverdimento dei tetti a Milano. Pensano ad un'ipotetica start-up, la chiamano Rooffood. «Pagando un affitto al proprietario del terrazzo - spiegano i progettisti - Rooffood prende in gestione un orto che diviene accessibile al pubblico. Qui il cliente raccoglie personalmente i prodotto: l'ideale per chi durante la pausa di lavoro, vuole unire all'utilità di fare la spesa, il piacere di stare in uno spazio verde. Gli ortaggi non raccolti potrebbero essere stivati e venduti nei diversi negozi Rooffood».

Oltre alla sezione "Professionisti" in cui sono risultati vincitori Simona Basilico, Barbara Cavalieri e Stefano Moscatelli, il concorso contemplava anche la sezione "Studenti", conquistata da Stefano Cagliani, Pietro Cavalleri, Andrea Zani (consulenti: Mariachiara Colombini, Angelo Pollace).

web www.infobuildenergia.it | www.studiomoscatelli.com

pubblicato in data: