È Mirko Franzoso il Giovane Talento dell'Architettura italiana 2016 premiato a Venezia

Sono stati premiati il 18 novembre 2016, in occasione della Festa dell'Architetto 2016, ospitata dalla Biennale di Venezia, i vincitori dei Premi Giovane talento dell'Architettura italiana 2016, Architetto italiano 2016 e Riuso 05 Rigenerazione Urbana Sostenibile.

La partecipazione è stata corposa per tutti e tre i riconoscimenti, per i quali sono giunte oltre 900 candidature, tutte di altissima qualità, segno che l'architettura italiana è ancora fortemente vitale e che si sta riappropriando della sua funzione civile, tornando ad occuparsi della città e del paesaggio, del patrimonio edilizio e dei bisogni dei cittadini italiani. che si è distinto per le scelte architettoniche ponderate rispetto alle caratteristiche del luogo e per l'importante ruolo sociale svolto dall'edificio.

Tra le numerose proposte pervenute, il Premio Giovane talento dell'Architettura italiana 2016 è andato a Mirko Franzoso, autore del progetto: Nuova casa sociale per l'abitato di Caltron a Cles, in provincia di Trento. 

Vincitore del Premio Giovane Talento dell'Architettura italiana 2016

Mirko Franzoso | Nuova casa sociale per l'abitato di Caltron a Cles (TN)

Il progetto è il frutto della partecipazione a un concorso a inviti lanciato nel 2012 e rivolto a progettisti under 35 per dare vita alla casa sociale di Caltron, nel paese di Cles. Mirko Franzoso ha vinto la competizione creando una costruzione che funge da trait d'union tra l'edificato storico e il verde agricolo, ma al tempo stesso si pone come limite fisico rispetto all'espansione dell'abitato e, quindi, al consumo inconsapevole e indiscriminato del suolo.

L'edificio si inserisce in un sistema delicato, ricoprendo un importante ruolo sociale, quello di dare vita a un punto d'incontro per gli abitanti del luogo, a un posto dove incontrarsi e confrontarsi per far crescere l'identità della comunità. Queste considerazione hanno determinato delle scelte architettoniche che vogliono un sistema formato da un'architettura semplice, adagiata in modo naturale sul terreno, e da un massiccio basamento che la sostiene. L'edificio è compatto e proporzionato per garantire la continuità con il tessuto urbano della borgata.

foto Mirko Franzoso architetto

Menzioni Speciali Premio Giovane talento dell'Architettura italiana 2016

Dianarchitecture di Giuseppe Diana (Casapesenna - CE) in partnership con RS-architettura
progetto: Restart Museum a Casal di Principe

Studio Cottone+Indelicato Architetti (Sciacca - AG) di Mario Cottone e Gregorio Indelicato
progetto: Passerella di collegamento del parco archeologico della Valle dei Templi di Agrigento

Modourbano (MU Associati Milano) di Marco Zuttioni - Luca Romagnoli
progetto: Procaccini 17 Milano, edificio residenziale

maggiori informazioni sul sito www.festadellarchitetto.awn.it 

pubblicato in data: - ultimo aggiornamento: