Fotografie e testo di Stefano Perego

A Terricciola, piccolo paese in provincia di Pisa immerso nel suggestivo contesto della campagna a Toscana, c'è un'architettura molto particolare: si tratta della Cantina "Podere La Chiesa" progettata nel 2016 dall'architetto Andrea Mannocci.

Dislocata sulla parte di pendio più dolce, a ridosso dei vigneti, la posizione della cantina consente da un lato la prospettiva privilegiata con vista a 360 gradi sul paesaggio, e dall'altro le conferisce il ruolo di punto di riferimento all'interno dello scenario naturale.

In perfetta sintonia cromatica, quest'architettura si caratterizza per l'utilizzo del cemento pigmentato con toni scuri tendenti al marrone, unico materiale utilizzato e chiaro richiamo al colore della terra e del mostro.

I riferimenti simbolici si ritrovano anche nella barricaia, che richiama la sacralità di una chiesa, e nella tinaia, rimando alla laboriosità di un sito produttivo.

Dal punto di vista della forma, invece, i grandi fori circolari delle facciate riproducono i grappoli d'uva, amplificando la stretta relazione tra gli interni e il paesaggio: ogni cerchio è una cornice pensata per intercettare le prospettive verso l'esterno e per permettere al sole di irradiare gli interni, generando spettacolari giochi di luce.

Stefano Perego è un fotografo di architettura con base a Milano
+info: stepegphotography.com | profilo IG stepegphotography

© Stefano Perego

© Stefano Perego

© Stefano Perego

© Stefano Perego

© Stefano Perego

© Stefano Perego

© Stefano Perego

© Stefano Perego

© Stefano Perego

© Stefano Perego

© Stefano Perego

© Stefano Perego

© Stefano Perego

© Stefano Perego

© Stefano Perego

© Stefano Perego

CREDITI DI PROGETTO

WINERY PODERE LA CHIESA
DOVE Terricciola (PI), Tuscany, Italy
QUANDO 2016

PROGETTISTI
Architetto project manager: arch. Andrea Mannocci (and-studio architects)
Collaboratori: arch. Caterina Massei, arch. Silvia Barani, arch. Annachiara Pieroni, arch. Silvia Petri, arch. Marco Mei, Graphic designer: Domenico Concilli
Ingegnere strutturale: eng. Sabatino Tonacci (Exa studio)
MEP engineer: eng. Mirko Bini

FOTOGRAFIE
© Stefano Perego