Stabilità: conferma dell'ecobonus al 65% e delle detrazioni al 50% per ristrutturazioni e mobili

da scoprire cosa succederà agli interventi di messa in sicurezza sismica ed a quelli sulle parti comuni nei condomini

In conferenza stampa seguita al varo della Legge di Stabilità non se n'è parlato, ma la notizia della conferma dell'ecobonus e delle detrazioni fiscali per le ristrutturazioni e l'acquisto di mobili arriva dal ministro Maurizio Lupi, che all'Ansa ha riferito di una proroga «sia dell'ecobonus al 65% che del bonus del 50% per ristrutturazioni e mobili». Sempre l'Ansa, dà notizia di un rinnovo dei bonus fino al 2015.

Riqualificazione energetica

L'ecobonus era fissato nella misura del 65% per le spese sostenute dal 6 giugno 2013 al 31 dicembre 2014. L'agevolazione doveva calare, però, nel 2015. Dal 1° gennaio al 31 dicembre 2015 era previsto che il bonus scendesse al 50%. Viene invece confermato nella misura del 65%.

Dovrebbero restare immutati i limiti di spesa. Dunque: 153.846 euro per gli interventi di riqualificazione energetica; 92.307,69 euro per gli interventi sull'involucro e per l'installazione dei pannelli solari e 46.153,85 euro per la sostituzione di impianti di climatizzazione invernale.

Nessuna modifica dovrebbe esserci per gli sconti fiscali, questi restano fissi a 100mila euro per gli interventi di riduzione del fabbisogno di energia primaria per la climatizzazione invernale, 60mila euro per gli interventi sull'involucro e per l'installazione di pannelli solari, e 30mila euro per la sostituzione di impianti di climatizzazione invernale.

Per quanto riguarda gli interventi sulle parti comuni degli edifici condominiali ammessi all'agevolazione, era prevista la detrazione del 65% per le spese effettuate entro il primo semestre 2015 che poi doveva scendere al 50% dal 1° luglio 2015 fino al 31 giugno 2016. Bisogna attendere il testo del provvedimento per capire se la proroga abbia interessato anche questi interventi.

Misure antisismiche

Altra incognita è l'estensione della proroga agli interventi antisismici e di messa in sicurezza statica degli edifici ricadenti in zone sismiche ad alta pericolosità, che godono della detrazione al 65% per tutto il 2014, ma secondo le previsioni della scorsa Legge di Stabilità, questa doveva scendere al 50% nel 2015. 

Ristrutturazione edilizia e bonus mobili

Il bonus del 50% per le ristrutturazioni edilizie viene esteso anche al 2015, dovrebbe restare invariato il tetto di spesa maggiorato a 96mila euro per unità immobiliare.

Prolungata al 2015 anche la detrazione del 50% per l'acquisto di arredo. Spetterà nella misura del 50% per le spese sostenute fino al 31 dicembre 2015. La detrazione oggi viene calcolata su un ammontare complessivo non superiore a 10.000 euro.

di Mariagrazia Barletta

 

pubblicato in data: